Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Eredità - Azione di riduzione delle donazioni a favore del figlio legittimo pretermesso



Marco da Savona:



Buongiorno, sono figlio legittimo di un genitore che si è risposato con una nuova moglie.Sono l'unico figlio.
Da un po' di tempo ho scoperto che mio padre sta intestando ad altri i beni immobili(quasi certamente alla moglie ) . Posso tutelarmi in qualche modo ? Come ? E come fare per i beni mobili ed i contanti o azioni o obbligazioni?
Quale quota di eredità mi spetta se lui fa testamento?
La ringrazio sinceramente per la risposta.



RISPOSTA



Ai sensi dell’articolo 542, I comma, del codice civile, “se chi muore lascia, oltre al coniuge, un solo figlio, legittimo o naturale, a quest’ultimo è riservato un terzo del patrimonio ed un altro terzo spetta al coniuge”. La restante porzione dell’asse ereditario può essere destinata liberamente dal soggetto che provvede a redigere il testamento.
Poiché sei un figlio legittimo, ai fini ereditari, avrai comunque diritto alla quota di legittima di un terzo del patrimonio di tuo padre, anche se egli dovesse provvedere, in vita, a donare tutto il suo patrimonio a sua moglie o a trasferire gli immobili con atti di vendita simulati. In realtà si tratterebbe, in ogni caso, di atti di donazione perché, la signora non ha corrisposto nulla, effettivamente, come corrispettivo della compravendita dell’immobile.
Tutti gli atti con cui tuo padre ha provveduto a cedere i suoi beni immobili, in vita, quindi, potranno essere impugnati, successivamente alla sua morte, ai sensi degli articoli 553 del codice civile e seguenti, ed annullati (azione di riduzione a favore del soggetto legittimario).
Riguardo ai beni mobili non registrati e al denaro, purtroppo, non hai nessuna tutela giuridica; alla morte di tuo padre, la sua signora provvederà a fare piazza pulita dei contanti, dei gioielli e della mobilia e sarà impossibile ricostruire i suoi movimenti in sede giudiziaria (non puoi fare assolutamente nulla, devi fartene una ragione!).
Ti ripeto comunque, che relativamente ai beni immobili, avrai, dopo la morte di tuo padre, tutte le tutele giuridiche necessarie. Al momento, non puoi agire in alcun modo; devi attendere il decesso di tuo padre.
Cordiali saluti

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale