Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Eredità - Trasmissione del diritto di accettazione, in favore degli eredi del chiamato all’eredità



Gianandrea da Torino



Buon giorno, la mia domanda riguarda il diritto di successione del signor Fabio nel seguente scenario.
Il signor Bruno é vedovo, possiede tre case ed ha due figli: Claudio e Serena.
Claudio é sposato e ha tre figli. Serena é sposata con Fabio, e non hanno figli.
In giugno 2009 Bruno muore e lascia un testamento olografo in cui indica Claudio e Serena, i due unici figli, come successori. La famiglia e in lutto e nessuno pensa ancora a succerssioni o atti notarili o accettazioni. Dopo poche settimane, in luglio 2009, Serena resta vittima di un incidente stradale e muore. Serena non ha mai formalmente accettato l'ereditá del padre e nessuna azione e stata presa per suddividere i beni lasciati da Bruno. La mia domanda riguarda il signor Fabio: ha diritto ad ereditare quello che la moglie avrebbe ereditato dal padre? anche se la moglie e morta prima di accettare l'ereditá? Se si, quale quota delle tre case di Bruno spetta a Fabio?
Grazie molte per la gentile assistenza.
Cordiali saluti



RISPOSTA



La fattispecie in esame è regolata dall’articolo 479, primo comma del codice civile: “Se il chiamato all’eredità muore senza averla accettata, il diritto di accettarla si trasmette agli eredi”.
Il sig. Fabio, coniuge di Serena, per successione legittima, ai sensi dell’articolo 582 del codice civile (Al coniuge sono devoluti i due terzi dell’eredità se egli concorre con fratelli e sorelle del defunto … La parte residua è devoluta ai fratelli) ha ereditato il diritto di accettare l’eredità di Bruno che avrebbe potuto accettare Serena, nella misura di 2/3. Claudio, fratello di Serena, ha ereditato il diritto di accettare l’eredità che avrebbe potuto accettare Serena, nella misura di 1/3.
Facciamo un riepilogo contabile della situazione ereditaria, ipotizzando un valore degli appartamenti pari a 300 (100 + 100 +100).
Il patrimonio di Bruno va suddiviso a metà tra i suoi due figli Claudio e Serena:

Claudio 150
Serena 150
La quota di 150 di Serena va suddivisa nel modo seguente:

Fabio 100, ossia i 2/3 di 150
Claudio 50, ossia 1/3 di 150
Totale 150 + 50 = 200
I tre figli di Claudio non possono vantare alcun diritto di successione nei confronti del nonno o della zia. Non sono qualificabili come soggetti legittimari, ai sensi dell’articolo 536, primo comma.
Cordiali saluti

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale