Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Contratti - Differenza tra la caparra confirmatoria e la caparra penitenziaria e diritto di recedere dal contratto, ritenendo il denaro versato, per la parte non inadempiente.



Alessia da Como:



Salve, ho pagato 1000 euro di caparra per bloccare la data del 5 sett 2009 in un hotel dove avrei celebrato e festeggiato le mie nozze al prezzo di 120 euro per persona. La somma e' stata versata a novembre 2008 tramite carta di credito autorizzata da me tramite email con il direttore. Dopo il mio incontro personale con il direttore, ci siamo sempre sentiti per email e qualche sterile telefonata. A maggio di quest'anno cancello il tutto sempre con un email, per questione di soldi a seguito della crisi dove entrambi abbiamo perso il lavoro e entrambe le nostre famiglie hanno avuto le loro conseguenze. Abbiamo prenotato in un'altra struttura molto piu' economica e all'hotel iniziale ho semplicemente detto che desideravo cancellare perche' troppo costoso in questo anno tanto sfortunato. Ho fatto piu' volte richiesta dei termini e condizioni dell'hotel per verificarne i tempi, ma sono sempre stati negati. Nella richiesta della restituzione della caparra mi e' stato telegraficamente detto che se li tengono come risarcimento del matrimonio mancato. Continuo a chiamare e a scrivere al direttore che mi risponde raramente e senza avvalere le sue risposte da nessuna regola nero su bianco dell'hotel che comunque non ci e' stata mai data in nessuna occasione, nemmeno al pagamento della caparra. Mi puo' dire se ho dei diritti? Se esiste una legge generale su queste cose, se la struttura non ne propone una?
La ringrazio e saluto



RISPOSTA



Cara Alessia, la disciplina della caparra confirmatoria e penitenziaria è regolata dal codice civile agli articoli 1385 e 1386 del codice civile.
La caparra confirmatoria (1385 c.c.) è una somma di denaro che una parte contrattuale consegna all'altra al momento della conclusione del contratto, a garanzia del suo adempimento.
La caparra penitenziaria (1386 c.c.), quando è prevista dalle parti in un contratto, ha la funzione di corrispettivo del diritto di recesso dalle obbligazioni contrattuali; in tal caso la parte che esercita il suo diritto di recesso, perde la somma di denaro consegnata a titolo di caparra penitenziaria.
Se la parte contrattuale che ha consegnato la caparra confirmatoria, si rende inadempiente agli obblighi contrattuali (come nel tuo caso ...), perde, allo stesso modo, la somma consegnata, a favore dell'altra parte (l'hotel) che acquisisce il diritto di trattenerla.a
Sia che si tratti di una caparra confirmatoria, che di una caparra penitenziaria, le conseguenze giuridiche che scaturiscono dal tuo inadempimento, sono, da un punto di vista estremamente concreto, identiche; l'hotel ha diritto a ritenere la somma versata perchè non hai alcun titolo per richiederla.
Mi dispiace, ma la tua particolare situazione non può essere tutelata giuridicamente.
Cordiali saluti

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale