Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto amministrativo - Diritto all'esenzione dal ticket per motivi di reddito



Remo da Teramo:



Se possibile sapere se ho diritto all'esenzione ticket per prestazioni sanitarie e medicinali. Ho 52 anni sono iscritto al centro per l'impiego, faccio parte di un nucleo famigliare composto di 3 persone(moglie e figlia). Il reddito complessivo famigliare è di 283,00 Euro, io sono disoccupato e mia figlia di 22 anni, anche, mia moglie è titolare di una piccolissima azienda agricola. Il ticket l'ho sempre pagato, ingiustamente a mio avviso e dalle ricerche che ho fatto su internet. Per favore aiutatemi a risolvere questo problema. Abito in Abruzzo in provincia di Teramo. Saluti e grazie



RISPOSTA



Confermo i risultati della ricerca che hai fatto in internet, sul diritto di esenzione dal ticket delle spese mediche e sanitarie.
Hai diritto all’esenzione dal ticket, ai sensi delle leggi 724/94 e 549/95, e tale beneficio riguarda anche i tuoi familiari che risultano a carico (tua figlia fiscalmente risulta a carico, perché è disoccupata, mentre tua moglie risulta a carico perché dichiara un reddito annuo lordo inferiore a 2.840,51 euro.
Gli assistiti che vivono in condizioni disagiate infatti, hanno diritto, per motivi di reddito, a non pagare o a pagare in forma ridotta i ticket delle spese mediche e sanitarie.
Generalmente, hanno diritto all'esenzione per motivi di reddito:

-i bambini di età inferiore a 6 anni che appartengono ad un nucleo familiare con reddito fino a euro 36.151,98 lordi annui;
-gli anziani di età superiore a 65 anni che appartengono ad un nucleo familiare con reddito fino a 36.151,98 euro annui lordi. E' considerato nucleo familiare la persona anziana, il suo coniuge e le persone che sono fiscalmente a carico dell'anziano (circ. 19/98 Ministero dell'Interno);
-i titolari di assegni sociali ed i loro familiari a carico;
-i titolari di pensioni minime oltre i 60 anni e i loro familiari a carico;
-le persone disoccupate e che sono iscritte alle liste di collocamento, ed i loro loro familiari a carico, purché appartenenti ad un nucleo familiare con reddito lordo inferiore a 8.263,31 euro. Se è presente il coniuge, il limite massimo sale a 11.362,05 euro. Questo limite aumenta di 516,5 euro per ogni figlio o altro familiare a carico. Sono considerati familiari a carico il coniuge, le persone con redditi non superiori a 2840,51 euro lordi annui, i figli minori di 18 anni o minori di 26 anni, se studenti o tirocinanti, i figli inabili al lavoro, i genitori ed i familiari conviventi. (QUESTO E’ IL TUO CASO!!!)

Per ottenere l'esenzione per motivi di reddito, sono in vigore due modalità alternative:

-l'interessato, un suo familiare o il tutore legale deve sottoscrivere una dichiarazione sul retro della ricetta. In questo caso, la regolarità delle prescrizioni e la verità delle dichiarazioni di esenzione sono controllati dalla Asl e le eventuali violazioni sono punibili secondo il codice penale; -l'interessato deve presentare la documentazione ad un ufficio della Asl, che provvede a rilasciare un tesserino di esenzione, generalmente con validità annuale.

Ti consiglio, a scanso di equivoci, la seconda modalità indicata per ottenere l’esenzione. Presentati alla Asl territorialmente competente con la seguente documentazione:
A) Documentazione relativa al tuo “status” di disoccupato, ossia l’iscrizione alle liste di collocamento.
B) Dichiarazione dei redditi di tua moglie (dalla dichiarazione risulta il reddito annuo lordo dichiarato).
C) Autocertificazione relativa alla condizione di disoccupazione di tua figlia (si tratta di una dichiarazione firmata da tua figlia in cui, la stessa dichiara di essere disoccupata). Nel frattempo, per ottenere la suddetta esenzione, quando vai in farmacia per acquistare, ad esempio, un farmaco, devi scrivere sul retro della relativa ricetta, una dichiarazione con cui affermi di avere diritto all’esenzione in quanto disoccupato, iscritto nelle liste di collocamento (tua moglie e tua figlia devono scrivere anche di essere fiscalmente a carico del coniuge/padre disoccupato).
Cordiali saluti

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale