Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Fisco e Tributi - Beneficio prima casa e pagamento cartella di Equitalia. Obbligazione solidale





Salve, mi chiamo Sara e questo è il mio problema; nel 2002 ho acquistato insieme ad allora mio marito una casa; dopo qualche anno abbiamo dovuto venderla perchè la ditta dove entrambi lavoravamo è andata in crisi e non ce la facevamo più a pagare il mutuo; purtroppo però non abbiamo potuto riacquistare entro l'anno quindi   abbiamo       perso i benefici prima casa, dovendo allo stato la differenza dell' Iva che dal 4% è andata al 10%,   mi       sembra.. E' arrivato il primo avviso e poi il secondo, nel frattempo io e mio marito ci siamo separati ma la cartella per entrambi è sempre la stessa, lui rifiuta di pagare la sua metà perchè non li ha, neppure facendo la rateizzazione e poi perchè non sta lavorando ed è nulla tenente; io da parte mia   invece       sto lavorando e possiedo la macchina che mi serve per andare a lavoro   per       tanto devo fare in modo di pagare; ma c'è la maniera o un cavillo legale per pagare solo la parte mia e non la sua? Infondo la casa era al 50% e noi siamo separati legalmente !!! Il totale della cartella è di 15000 € ed io lavoro a contratto e non guadagno più di 900 € al mese. Vi ringrazio per la Vostra attenzione e spero di avere presto una   risposta       a questa mia domanda. Un saluto



RISPOSTA



L'obbligazione relativa alla cartella esattoriale di Equitalia s.p.a. è di carattere solidale, nel senso che l'erario può agire nei confronti del singolo debitore, per l'intera somma, spettante a titolo di imposte dovute, sanzioni pari al 30% della maggiore imposta, oltre ad interessi di mora. Il debitore che provvederà al pagamento del debito tributario avrà diritto di agire in regresso, nei confronti dell'altro debitore, per recuperare il 50% dell'importo versato, ai sensi degli articoli 1298 e 1299 del codice civile.

La tipologia giuridica delle obbligazioni solidali è delineata dall'articolo 1292 del codice civile:  

Art. 1292. Nozione della solidarietà.

L'obbligazione è in solido quando più debitori sono obbligati tutti per la medesima prestazione, in modo che ciascuno può essere costretto all'adempimento per la totalità e l'adempimento da parte di uno libera gli altri; oppure quando tra più creditori ciascuno ha diritto di chiedere l'adempimento dell'intera obbligazione e l'adempimento conseguito da uno di essi libera il debitore verso tutti i creditori.

Art. 1298. Rapporti interni tra debitori o creditori solidali.

Nei rapporti interni l'obbligazione in solido si divide tra i diversi debitori o tra i diversi creditori, salvo che sia stata contratta nell'interesse esclusivo di alcuno di essi.
Le parti di ciascuno si presumono uguali, se non risulta diversamente.


Art. 1299. Regresso tra condebitori.

Il debitore in solido che ha pagato l'intero debito può ripetere dai condebitori soltanto la parte di ciascuno di essi.
Se uno di questi è insolvente, la perdita si ripartisce per contributo tra gli altri condebitori, compreso quello che ha fatto il pagamento.


Mi chiedi un consiglio pratico: in questi casi i debitori sono sulla stessa barca, quindi dovrebbero collaborare nell'interesse comune, e chiedere una rateizzazione dell'importo inserito a ruolo, ad Equitalia s.p.a. (il tasso di interesse legale è attualmente, particolarmente basso: 1%).

Se tuo marito non dovesse avere nessun intenzione/possibilità economica di pagare il debito, ti troveresti dinanzi ad un bivio: pagare l'intero importo richiesto da Equitalia s.p.a. e poi agire in regresso, nei confronti di tuo marito, per il 50% dell'obbligazione tributaria, ovvero trasferire la titolarità dell'autovettura ad una persona di fiducia e renderti anche tu inadempiente nei confronti di Equitalia.

Non possedendo beni mobili registrati ovvero immobili, non sarai, in concreto, assoggettabile ad espropriazione forzata, in quanto Equitalia non avrà nulla da “portarti via”, per soddisfare il suo credito.

Il termine di prescrizione della cartella esattoriale è pari a dieci anni, quindi per il prossimo decennio dovrai evitare di avere beni intestati.

Si tratta di una scelta personale assolutamente discrezionale.

Valuta la strada più opportuna per i tuoi interessi.

Siamo sempre a tua disposizione.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale