Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Area videosorvegliata, impianto videosorveglianza, privacy mask, conservazione immagini registrate





Buongiorno,
ho una casa in campagna con, separato da una pubblica via, un terreno di mia proprietà. Visti i recenti "dispetti" e le recenti rozzaggini di alcuni abitanti locali nei confronti del terreno e della mia abitazione (muri esterni in parte sporcati con vernice, siepi parzialmente recise, immondizie nel terreno), vorrei installare un impianto di videosorveglianza che, dalla mia abitazione visioni il mio terreno, nonchè un videocitofono che possa fungere anche da telecamera per la videosorveglianza. Voglio precisare che, per la parte di strada pubblica visionabile dalla telecamera puntata sul mio terreno, metterei un impostazione "privacy mask" per oscurare la strada pubblica e quindi il passaggio di persone o auto, Per quanto concerne il videocitofono vorrei specificare che verrebbe installato su un ingresso interno dell'abitazione che visionerebbe/registrerebbe una piccola parte della via pubblica che potrei coprire sempre con la "privacy mask" e che non verrebbe registrato l'audio.
Posso installare queste telecamere con le modalità sopra descritte? Devo osservare qualche prescrizione particolare (cartelli o quantaltro)? Devo effettuare qualche comunicazione al garante? Quanto tempo posso mantenere le registrazioni considerato che rientro a casa dal lavoro circa ogni 15 giorni?
Grazie.



RISPOSTA



Dobbiamo fare riferimento al provvedimento del garante della privacy del 2010 che ha sostituito il provvedimento del 2004, riproponendo tuttavia quasi tutti i contenuti normativi.
Ecco i link dei provvedimenti del garante.


Provvedimento garante 1
Provvedimento garante 2

Cerco di sintetizzare.

1)I cittadini che transitano nelle aree sorvegliate devono essere informati della rilevazione dei dati. L’informativa (della quale il Garante ha anche messo a disposizione un modello semplificato: un cartello con un simbolo ad indicare l’area videosorvegliata) deve essere chiaramente visibile ed indicare chi effettua la rilevazione delle immagini e per quali scopi.
Il supporto con l'informativa:

• deve essere collocato prima del raggio di azione della telecamera, anche nelle sue immediate vicinanze e non necessariamente a contatto con gli impianti;

• deve avere un formato ed un posizionamento tale da essere chiaramente visibile in ogni condizione di illuminazione ambientale, anche quando il sistema di videosorveglianza sia eventualmente attivo in orario notturno;

• può inglobare un simbolo o una stilizzazione di esplicita e immediata comprensione, eventualmente diversificati al fine di informare se le immagini sono solo visionate o anche registrate.

La videosorveglianza deve essere effettuata sempre e solo nel rispetto di specifiche garanzie per la libertà delle persone.

2) Conservazione delle immagini registrate per massimo 24 ore, salve speciali esigenze per indagini, per attività particolarmente rischiose (es.banche) non oltre una settimana; eventuali esigenze di tempi più lunghi dovranno essere sottoposte a verifica preliminare del Garante.

3) Obbligo di verifica preliminare del Garante per i sistemi che presentino rischi per i diritti e le libertà fondamentali delle persone, come i sistemi tecnologicamente avanzati o "intelligenti": dobbiamo fare riferimento alle fattispecie che presentano rischi specifici per i diritti e le libertà fondamentali, nonché per la dignità degli interessati, in relazione alla natura dei dati o alle modalità di trattamento o agli effetti che potrebbero determinare sistemi di videosorveglianza che prevedono un intreccio delle immagini con altri particolari (es. dati biometrici, voce) o in caso di digitalizzazione delle immagini o di sorveglianza che valuti percorsi e lineamenti (es. riconoscimento facciale) o ancora ai sistemi intelligenti o ai sistemi integrati di videosorveglianza.

NON E' IL TUO CASO !

4)i sistemi di videosorveglianza possono riprendere persone identificabili solo se, per raggiungere gli scopi prefissati, non possono essere utilizzati dati anonimi. L’installazione di telecamere è lecita solo se è proporzionata agli scopi che si intendono perseguire. Gli impianti di videosorveglianza devono essere attivati solo quando altre misure siano insufficienti o inattuabili.

Ho cercato di sintetizzare il provvedimento, tuttavia laddove ci fossero aspetti poco chiari, sono a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale