Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Contratti - Mancato adempimento contrattuale e risoluzione per inadempimento





Preg.mo staff.
vorrei un parere su come mi dovrei comportare nel caso non vengano attuate quelle che ritengo le mie legittime richieste.
Trascrivo sotto il testo della raccomandata (e del telegramma ) inviata alla ditta da cui si evince tutta la temetiche per la quale chiedo parere:

Roma 27.03. 2010
Egregio signor X ,
mi hanno riferito oggi, (27.03.2010) che sopra il portone è tutto aperto e ho dovuto mandare urgentemente un tecnico per provvedere a una chiusura temporanea.
Non avendo avuto alcuna risposta alle mail inviategli le faccio presente nuovamente che in data 12 marzo, dopo quasi quattro mesi da che erano stati prenotati il portone e la vasistas (con una previsione di consegna di 20 giorni), mi è stato finalmente recapitato il portone stesso e io ho dato al suo collaboratore Antonello assegno di 1590 euro per il quale non mi è stata rilasciata alcuna fattura o ricevuta. Alla domanda del perchè non veniva consegnata anche la vasistas il suo collaboratore ha risposto che dopo montato il portone in 3 o 4 ore sarebbe stata posata la vasistas stessa.
Sono passati già 12 giorni dal montaggio del portone durante i quali io, oltre a non poter disporre pienamente ancora per altro tempo dei miei locali che da tempo conto di affittare, sono stato con la preoccupazione (dato che il vuoto lasciato dalla mancanza della vasistas era stato coperto da voi con del cartone- secondo quanto riferito da Antonello-) che i locali stessi e gli altri ad esso collegati potessero essere facilmente violati da qualcuno che potesse procurarmi seri danni (questo può ancora succedere: nel caso vedremo le responsabilità).
L´ho già avvisata in vario modo che il geometra y ha in consegna l´assegno (di 264 euro) per il saldo alla fine dei lavori che la riguardano mentre ho già pagato (1056 +1590) 2646 euro (compresa l'iva) per i quali non ho ricevuto alcuna fattura.
La avviso che se lei non provvede entro giovedì della prossima settimana (01.04.2010) (giorno in cui dovrò utilizzare i miei locali insieme ai miei familiari) alla chiusura definitiva con la vasistas e a consegnarmi tutte le chiavi del portone sarò costretto a sporgere denuncia, a rivolgermi ad altre ditte per provvedere alla mancanza della vasistas e per porre rimedio a tutti gli inconvenienti che mi si presenteranno ed infine ad interpellare un legale ottenere il risarcimento dei danni complessivi.
Distinti saluti.



RISPOSTA



Le tue richieste sono assolutamente legittime, in considerazione dell'inadempimento contrattuale della ditta fornitrice.
Devi rivolgerti ad un avvocato, per citare in giudizio la ditta suddetta, al fine di farla condannare, dal tribunale, al pagamento del:

1) danno patromoniale, inteso come danno emergente (spese che hai sopportato, per far installare il vasistas da un altra ditta, a seguito dell'inadempimento contrattuale del fornitore, oltre a tutti i danni che sono conseguenza immediata e diretta della negligenza della tua controparte contrattuale).
2) danno patrimoniale, inteso come lucro cessante (mancati proventi da canoni di locazione, relativi al periodo in cui, a causa dell'assenza del vasistas, non hai potuto concedere in locazione gli appartamenti).
3) interessi al tasso di interesse legale che, attualmente, è pari all'uno per cento.
4) risarcimento danni di natura contrattuale, stabilito equitativamente dal giudice.
5) risoluzione giudiziale del contratto, per mancanza di adempimento contrattuale della controparte, ai sensi dell'articolo 1453, I comma, del codice civile:

Art. 1453. Risolubilità del contratto per inadempimento.

Nei contratti con prestazioni corrispettive, quando uno dei contraenti non adempie le sue obbligazioni, l'altro può a sua scelta chiedere l'adempimento o la risoluzione del contratto, salvo, in ogni caso, il risarcimento del danno.

Non devi sporgere una denuncia, in quanto l'inadempimento contrattuale non ha rilevanza penale (non si tratta di un reato), ma notificare alla ditta, un atto di citazione, introduttivo di un processo civile, che sarà redatto e firmato dal tuo legale di fiducia.

Sono a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale