Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto penale - Affido congiunto dei figli e reato di inosservanza del provvedimento dell'autorità





Buongiorno,
ho bisogno di una consulenza legale abbastanza urgente: il 5 aprile sono stata convocata per tesimoniare a favore di una mia ex collega ingiustamente licenziata contro il mio ex datore di lavoro (presso cui io non lavoro più ormai dal febbraio 2010).
Ieri con una scusa sono stata contattata da una impiegata dello studio legale interno del mio ex datore di lavoro,per sapere se avevo ricevuto la convocazione al processo del 5/4/11. Alla mia risposta positiva,la ragazza mi ha chiesto di non presentarmi al processo e su consiglio dell'avvocato c/o cui lavora di incontrarli presso il mio ex datore giovedì 31/4 alle ore 12 per "prendere i mano la pratica e vedere cosa dire".
ovviamente gli ho risposto che non ho intenzione di incotrare nessuno per pilotare la mia testimonianza. ad una telefonata successiva sempre da parte della stessa impiegata,ho ricevuto ancora la proposta di "andare solo a parlare con l'avvocato del mio ex datore e nulla di più poi finisce lì".ovviamente ho rifiutato dicendo che sapevo che questa cosa non è legalmente corretta. e di nuovo mi è stato chiesto se volevo veramente presentarmi al processo come testimone della mia ex-collega.la mia risposta è stata affermativa. A questo punto visto che ero ferma sulla mia posizione mi ha salutata.
Oggi,è tutto il giorno che mi chiama in modo insistente il mio ex direttore commerciale(che per altro non sentivo più da quando mi sono dimessa),dipendente del mio ex datore. Io non ho risposto alle chiamate,perchè immagino quale sia il motivo per cui mi sta cercando. Peraltro l'ex direttore ha già testimoniato ad altre sedute passate di questo processo contro la mia ex collega e pro datore di lavoro.

Ora la cosa è diventata pesante e un pò ho paura visto che già quando lavoravo presso il mio ex datore avevo ricevuto pressioni e minacce anche quando ero in gravidanza (ho rischiato per l'agitazione di perdere il bambino e la tensione che mi hanno provocato mi ha portato ad un parto prematuro all'ottavo mese).Non ho mai avuto il coraggio di denunciarli per non perdere il posto di lavoro,ma ora non ho più nulla da perdere, non voglio farmi più intimorire.
Cosa posso fare per lasciare traccia di queste pressioni fattemi per pilotare la mia testimonianza? E' il caso di fare una denuncia ai carabinieri o di procedere legalmente?  

Attendo un consiglio per capire come procedere contro questi prepotenti arroganti.  

RingraziandoVi anticipatamente porgo i miei più cordiali saluti



RISPOSTA



Vedo che sei già piuttosto informata, in materia di reati contro l'amministrazione della giustizia.
Il testimone che afferma il falso, commette il reato di cui all'articolo 372 del codice penale; si tratta di un delitto piuttosto grave.

Art. 372 del codice penale. Falsa testimonianza.

Chiunque, deponendo come testimone innanzi all'autorità giudiziaria, afferma il falso o nega il vero, ovvero tace, in tutto o in parte, ciò che sa intorno ai fatti sui quali è interrogato, è punito con la reclusione da due a sei anni.

L'ex datore di lavoro, il suo avvocato, il direttore commerciale, la segretaria, hanno commesso il reato di subornazione, nella forma del tentativo (non essendo riusciti nel loro scopo di corromperti o di “chiuderti la bocca”).
La subornazione secondo la dottrina penalistica, è l'atto di istigare taluno a venir meno ad un dovere cui è tenuto per legge o comunque per un obbligo socialmente rilevante.
Questi prepotenti hanno tentato di commettere il reato di cui all'articolo 377 del codice penale.

Art. 377 del codice penale. Intralcio alla giustizia.

Chiunque offre o promette denaro o altra utilità alla persona chiamata a rendere dichiarazione davanti all'autorità giudiziaria ovvero alla persona richiesta di rilasciare dichiarazioni dal difensore nel corso dell'attività investigativa, o alla persona chiamata a svolgere attività di perito, consulente tecnico o interprete, per indurla a commettere i reati previsti dagli articoli 371 bis, 371 ter, 372 e 373, soggiace, qualora l'offerta o la promessa non sia accettata, alle pene stabilite negli articoli medesimi, ridotte dalla metà ai due terzi. La stessa disposizione si applica qualora l'offerta o la promessa sia accettata, ma la falsità non sia commessa. Chiunque usa violenza o minaccia ai fini indicati al primo comma, soggiace, qualora il fine non sia conseguito, alle pene stabilite in ordine ai reati di cui al medesimo primo comma, diminuite in misura non eccedente un terzo. Le pene previste ai commi primo e terzo sono aumentate se concorrono le condizioni di cui all'articolo 339. La condanna importa l'interdizione dai pubblici uffici.

Se hai intenzione di denunciarli, ti consiglio di rispondere alle loro telefonate e di registrare la conversazione; se dovessero minacciarti in maniera esplicita ovvero prometterti denaro o altra utilità, per testimoniare il falso, avresti la prova inconfutabile del tentativo di subornazione.

Se intendi rovinare questi prepotenti, devi lasciarli parlare, altrimenti riusciranno a farla franca come al solito.

Ti consiglio di presentarti alla prossima udienza del 5 aprile, di dichiarare al giudice la verità, di comunicare inoltre al giudice, il tentativo di subornazione subito. Il giudice comunicherà (sarà obbligato a farlo, non appena l'udienza sarà conclusa) tale circostanza alla Procura della Repubblica, per l'iscrizione nel registro degli indagati, dei colpevoli.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale