Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Capital gain, titoli obbligazionari eredità esenzione imposta sostitutiva





Sono al corrente che per legge (D.Lgs 461/97) i titoli oggetto di eredità sono in esenzione assoluta da Capital Gain, mentre i trasferimenti titoli tra depositi titoli con diversa intestazione sono considerati come "cessioni a titolo oneroso" e quindi, assoggettati a tale imposta. Pertanto ci troviamo d'avanti ad un paradosso fiscale: non posso trasferire i titoli oggetto di eredità in esenzione all'erede in quanto il deposito titoli di destinazione risulta intestato anche a terze persone estranee all'eredità e non posso, nello stesso tempo, trasferire i titoli dell'eredità con l'applicazione del capital gain, in quanto andrei contro un preciso disposto normativo che esenta tali fattispecie. Quindi ???  E' corretto trasferire i titoli oggetto di eredità SOLO agli eredi legittimi ?
Grazie.



RISPOSTA



La risposta al tuo quesito è piuttosto scontata … è ovvio che i titoli oggetto di eredità possono essere trasferiti soltanto agli eredi legittimi. Condivido in pieno il percorso logico giuridico, ossia la motivazione esposta nella tua mail.
Ti servono dei riferimenti normativi, per rafforzare le tue conclusioni, in caso di contenzioso tra coeredi. Dobbiamo fare riferimento alla circolare ministeriale 14/8/650 dell'11 aprile 1991 richiamata dalla cm n. 165/E/1998.
Non sono soggette all'imposta sostitutiva sul capital gain di cui al decreto legislativo n. 461/97, i titoli trasferiti per successione, oggetto quindi di eredità, in quanto si tratta di trasferimento a titolo gratuito, esattamente come chiarito dalla cm 14/8/650 dell'11 aprile 1991 richiamata dalla cm n. 165/E/1998.
La ratio della normativa amministrativa è piuttosto intuitiva: quando un trasferimento di titoli obbligazionari avviene tra conti di differenti intestatari, il passaggio transita attraverso il mercato, con le logiche conseguenze dal punto di vista fiscale.
Soltanto per completezza espositiva, ti ricordo invece che i titoli di stato che cadono in successione godono del trattamento di esenzione dall'imposta di successione e non devono neppure essere indicati nella dichiarazione di successione in quanto cespiti non compresi nell'attivo ereditario.

Tanto premesso, queste sono i riferimenti normativi richiesti … praticamente la base di partenza per le legittime motivazioni esposte nella tua mail.

Sempre a disposizione.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale