Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Sorella accumula debiti da gioco, come difendere il patrimonio di famiglia





Buongiorno,mi serve una Vs. consulenza per quanto riguarda una situazione spiacevole che riguarda mia sorella: recentemente ho scoperto che mio fratello ha accumulato parecchi debiti derivanti dal gioco e altro, che non possiede più la casa di proprietà e chissà cos'altro ancora che non conosco. La mia preoccupazione è che in qualche modo i creditori possano rivalersi sui nostri genitori che sono pensionati e hanno la casa di proprietà e alcuni terreni agricoli. Mia sorella abita e credo abbia anche la residenza in un paese diverso da quello dei miei genitori. Io abito e ho la residenza con mia moglie e figli nello stesso paese dove vivono i miei genitori. Vorrei conoscere tutti gli aspetti e gli eventuali scenari in caso dovesse accadere qualcosa di "spiacevole". In questi casi quali azioni potremmo adottare per cautelarci da eventuali azioni legali da parte dei creditori? In attesa di un Vs. riscontro porgo,
Cordiali Saluti



RISPOSTA



Cosa dobbiamo intendere per “qualcosa di spiacevole” ???!!!
Sicuramente, dei debiti di tua sorella, non risponderanno nemmeno in minima parte i tuoi genitori e nemmeno tu ovviamente …
Da questo punto di vista puoi rassicurare i tuoi genitori.

Ipotizziamo semmai, la morte improvvisa dei tuoi genitori. Tu, insieme a tua sorella, ereditereste l'abitazione familiare dei genitori ed i terreni agricoli.
I creditori di tua sorella pignorerebbero e venderebbero all'asta la quota di legittima spettante a tuo fratello, per soddisfare le loro pretese.

Né tanto meno tua sorella, alla morte dei tuoi genitori, potrebbe rinunciare alla sua quota di eredità per favorirti e danneggiare i suoi creditori.
I creditori di tua sorella impugnerebbero la sua rinunzia all'eredità dei genitori, ai sensi dell'articolo 524 del codice civile.

Art. 524 del codice civile. Impugnazione della rinunzia da parte dei creditori.

Se taluno rinunzia, benché senza frode, a un'eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare la eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti.
Il diritto dei creditori si prescrive in cinque anni dalla rinunzia.

Il consiglio che vorrei dare ai tuoi genitori pertanto, è di vendere tutti i loro bene a te a tua moglie ed ai tuoi figli; consiglio di spogliarsi di tutti i loro beni, in modo da non consentire a tua sorella ed ai suoi creditori (!!!), di ereditare una quota di cespiti immobiliari.
Ovviamente i tuoi genitori devono essere d'accordo con te, per spogliarsi in vita di tutti i loro beni con atto di compravendita. Questa sarebbe l'unica soluzione ideale …

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale