Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Successione ereditaria di coniugi sposati in comunione dei beni; il marito ha in precedenza divorziato





Sono sposata in comunione dei beni con un divorziato con prole, proprietario da prima del matrimonio dell'abitazione in cui viviamo e di una casa ereditata assieme ad un fratello.
Io proprietaria di una casa acquistata prima del matrimonio.

Vorremmo sapere se entriamo lo stesso nell'asse ereditaria e in che percentuale o se (x esserci) dobbiamo fare qualcosa.

Grazie
cordiali saluti



RISPOSTA



Necessaria premessa: i beni dei coniugi elencati nella tua email, non fanno parte della comunione legale dei coniugi, ai sensi dell'articolo 179 comma I lettera A e B.

Art. 179 del codice civile. Beni personali. 

Non costituiscono oggetto della comunione e sono beni personali del coniuge:
a) i beni di cui, prima del matrimonio, il coniuge era proprietario o rispetto ai quali era titolare di un diritto reale di godimento;
b) i beni acquisiti successivamente al matrimonio per effetto di donazione o successione, quando nell'atto di liberalità o nel testamento non è specificato che essi sono attribuiti alla comunione;
c) i beni di uso strettamente personale di ciascun coniuge ed i loro accessori;
d) i beni che servono all'esercizio della professione del coniuge, tranne quelli destinati alla conduzione di una azienda facente parte della comunione;
e) i beni ottenuti a titolo di risarcimento del danno nonché la pensione attinente alla perdita parziale o totale della capacità lavorativa;

Ipotizziamo la morte di tuo marito. Ipotizziamo ovviamente una successione per legge in assenza di testamento.

I beni di tuo marito (non i tuoi beni personali) saranno così suddivisi, ai sensi dell'articolo 581 del codice civile.
Quota della moglie 1/3
Quota dei figli 2/3

Art. 581 del codice civile. Concorso del coniuge con i figli.

Quando con il coniuge concorrono figli legittimi o figli naturali, o figli legittimi e naturali, il coniuge ha diritto alla metà dell'eredità, se alla successione concorre un solo figlio, e ad un terzo negli altri casi.

… e se morissi prima tu ? Sempre senza testamento ovviamente …
Si applicherebbe ai tuoi beni personali, l'articolo 583 del codice civile.

Art. 583 del codice civile. Successione del solo coniuge.

In mancanza di figli legittimi o naturali, di ascendenti, di fratelli o sorelle, al coniuge si devolve tutta l'eredità.

A disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale