Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Vendita auto usata da privato con motore rotto





Buonasera Ieri pomeriggio ho acquistato un auto da un privato . Non abbiamo fatto nessun tipo di contratto L auto è stata pagata in contanti .il mezzo è un'auto d epoca del 1953 . Dopo 80 km alla velocità di 80 orari  (non fissi) il motore si è rotto.
Controllando il motore aveva poco olio . Ho chiamato il venditore e gli ho chiesto che cosa avesse il motore .lui mi ha detto niente e mi ha consigliato di mettere dell olio all interno del motore. Anche dopo averlo messo la situazione non è mutata.la macchina era ferma su una superstrada ,fortunatamente sono riuscito ad arrivare alla prima uscita e parcheggiarla.
Che tipo di rivalsa posso avere sul venditore? Lo ho chiamato dicendo il fatto è lui non ha nessuna intenzione di risarcirmi, accusandomi del danno e dicendomi che per lui sono andato forte per una auto di quel età e che mi dovevo assumere le mie responsabilità Facendo delle ricerche la macchina agli 80 km non sforza.



RISPOSTA



Sebbene la “garanzia legale” di un anno, prevista dal codice del consumo, non riguarda la compravendita di auto usate tra privati, l'auto venduta, ai sensi dell'articolo 1490 del codice civile, deve comunque essere priva di vizi occulti e il venditore non deve omettere circostanze pregiudizievoli che riguardano l’oggetto della vendita quali, ad esempio, che si tratta di un'auto incidentata o che il motore è difettato.

Art. 1490 del codice civile. Garanzia per i vizi della cosa venduta. 

Il venditore è tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all'uso a cui è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore.
Il patto con cui si esclude o si limita la garanzia non ha effetto, se il venditore ha in mala fede taciuto al compratore i vizi della cosa.


Cosa fare allora ?
Chiedere la risoluzione del contratto, ai sensi dell'ultimo comma dell'articolo 1492 del codice civile (Se la cosa consegnata è perita in conseguenza dei vizi, il compratore ha diritto alla risoluzione del contratto). Ai sensi dell'articolo 1493 del codice civile, in caso di risoluzione del contratto il venditore deve restituire il prezzo e rimborsare al compratore le spese e i pagamenti legittimamente fatti per la vendita. Ai sensi dell'articolo 1494 del codice civile, in ogni caso il venditore è tenuto verso il compratore al risarcimento del danno se non prova di avere ignorato senza colpa i vizi della cosa.

Art. 1492. Effetti della garanzia.

Nei casi indicati dall'articolo 1490 il compratore può domandare a sua scelta la risoluzione del contratto ovvero la riduzione del prezzo, salvo che, per determinati vizi, gli usi escludano la risoluzione.
La scelta è irrevocabile quando è fatta con la domanda giudiziale.
Se la cosa consegnata è perita in conseguenza dei vizi, il compratore ha diritto alla risoluzione del contratto; se invece è perita per caso fortuito o per colpa del compratore, o se questi l'ha alienata o trasformata, egli non può domandare che la riduzione del prezzo.


Attenzione: ai sensi della norma seguente, devi inviare entro otto giorni dalla rottura del motore, una raccomandata a/r al venditore, scrivendo la causa della rottura del motore, e chiedendo la risoluzione del contratto quindi il rimborso del prezzo pattuito, oltre al risarcimento danni.

Art. 1495 del codice civile. Termini e condizioni per l'azione.

Il compratore decade dal diritto alla garanzia , se non denunzia i vizi al venditore entro otto giorni dalla scoperta, salvo il diverso termine stabilito dalle parti o dalla legge.

Ai sensi dell'ultimo comma dell'articolo 1495 del codice civile, hai un anno di tempo per citare in giudizio dinanzi al tribunale civile, il venditore al fine di ottenere una sentenza di risoluzione del contratto e di condanna alla restituzione del corrispettivo di vendita.

Mi auguro che il venditore di abbia quanto meno lasciato una ricevuta pro forma del pagamento avvenuto in contanti, altrimenti farai davvero fatica a dimostrare al giudice di avere effettuato il pagamento (visto che non hai firmato nemmeno un contratto di cessione dell'auto).

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale