Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Impugnazione per lesione di legittima del contratto vitalizio alimentare





Salve, Il contratto di vitalizio alimentare può' essere impugnato per lesione della legittima? in quali casi) Nel 1996 due coniugi fanno un vitalizio alimentare con il figlio. Dopo 12 anni muore un genitore e il vitalizio continua perché la madre è ancora viva. Può essere impugnato il vitalizio anche se la madre è ancora in vita? Grazie



RISPOSTA



Come affermato dalla giurisprudenza della Cassazione, il contratto vitalizio alimentare può essere impugnato per lesione di legittima nel caso in cui le prestazioni a carico delle parti contrattuali non siano caratterizzate da omogeneità e proporzione.

E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione , Sezione II, con sentenza del 19 luglio 2011, n. 15848; deve sussistere quindi omogeneità e proporzione nella comparazione delle prestazioni contrattuali, ossia nel confronto tra la capitalizzazione della rendita reale del bene trasferito e la durata della vita oltre alle esigenze assistenziali del soggetto in stato di bisogno.

E' ovvio che se al momento della conclusione del contratto di vitalizio alimentare, il beneficiario ha un’età talmente avanzata da non poter certamente sopravvivere oltre un arco di tempo determinabile … in tal caso sussiste sproporzione tra le due prestazioni oggetto del contratto.

In ragione di tale sproporzione tra le prestazioni, il contratto di vitalizio alimentare può essere impugnato per lesione di legittima al pari di una donazione.

Nel tuo caso, il contratto di vitalizio può essere impugnato relativamente al 50% del bene che era nella titolarità del genitore che è già deceduto. Sarà impugnato relativamente all'altro 50% del bene, soltanto alla morte di tua madre.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale