Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Divieto di patti successori





Buona sera, Vi espongo il mio problema: ho trovato una casa che vorrei acquistare e ci stiamo accordando sul prezzo(trattative tra privati)il problema è che questo immobile è intestato ad una persona che attualmente non è in grado di intendere e di volere ed è probabilmente prossima al decesso.
Io sto trattando col fratello di questa persona che dice che la casa al momento della morte di questa andrà in successione alla madre (prima erede in quanto l'intestataria non ha ne figli ne marito) e che quindi io dovrei eventualmente effettuare una sorta di scrittura privata che attesti che al momento in cui la casa passerà in successione alla madre ella si impegna a venderla a me per X soldi. Vorrei sapere se esiste una qualsiasi scrittura privata che possiamo fare che abbia effetto e in che forma redigerla, se registrarla e come, se prevedere anche in un caso simile una forma di cauzione. Insomma se la cosa è possibile avrei bisogno di un fac-simile di compromesso che posso redigere stando tranquilla e in norma di legge. Vi ringrazio per l'attenzione. Saluti cordiali.



RISPOSTA



La soluzione non è fattibile per il divieto di patti successori di cui all'articolo 458 del codice civile.
L'articolo 458 del codice civile prevede la nullità delle convenzioni stipulate tra due o più soggetti con cui si di dispone della propria successione, o i patti con cui un futuro erede o legatario dispone dei diritti che gli possono spettare su una successione non ancora aperta, o rinunzia ai medesimi.
In questo caso si tratterebbe di una convezione con cui un futuro erede dispone dei diritti che gli spetteranno in via ereditaria … ma ne dispone prima della morte del de cuius; una convenzione radicalmente nulla ai sensi dell'articolo 458 del codice civile.

Un consiglio ? Attendere il decesso del proprietario e trattare direttamente con gli eredi, dopo la loro accettazione dell'eredità.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale