Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto penale - Delitti contro l'ambiente;reati di disastro ambientale, inquinamento ambientale, alterazione del patrimonio naturale.





In zona di vincolo paesaggistico (trattasi di un belvedere) vicino a diverse abitazioni, gli occupanti vi hanno depositato rifiuti. (dietro un casa vi è una macchina abbandonata, di fronte ad un'altra c'è una lavatrice; copertoni, vecchie lamiere, ecc...) Quali sono le tutele per l'ambiente di fronte a situazioni di grave degrado?
A chi ci si può rivolgere?



RISPOSTA



A prescindere dall’apposizione del vincolo paesaggistico, sulla particolare zona del territorio, i rifiuti speciali, come una lavatrice inutilizzata, devono essere smaltite nelle cosiddette isole ecologiche e le autovetture devono essere rottamate a norma di legge.

Il legislatore ha apprestato una specifica tutela nei confronti dell’ambiente, contro coloro che inquinano le risorse naturali del nostro paese.
Recentemente sono stati introdotti i reati di disastro ambientale, inquinamento ambientale, alterazione del patrimonio naturale, della flora e della fauna, traffico illecito di rifiuti, traffico di materiale radioattivo o nucleare.
I suddetti delitti sono stati inseriti nel Libro Secondo del Codice Penale, Titolo VI-bis, intitolato "Dei delitti contro l'ambiente".

Coloro che abbandonano nell’ambiente rifiuti speciali, come quelli indicati nella tua mail, commettono il reato di cui all’articolo 452 bis del codice penale: “Inquinamento ambientale”.

Articolo 452-bis Inquinamento ambientale

E’ punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da cinquemila a trentamila euro chiunque illegittimamente immette nell’ambiente sostanze o energie cagionando o contribuendo a cagionare il pericolo concreto di una compromissione durevole o rilevante:a) delle originarie o preesistenti qualità del suolo, del sottosuolo, delle acque o dell’aria;b) per la flora o per la fauna selvatica.

L’Amministrazione pubblica a cui segnalare l’incresciosa situazione, è il Corpo forestale dello Stato.
Si tratta di una forza di polizia ad ordinamento civile, specializzata nella tutela del patrimonio naturale e paesaggistico, nella prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale e agroalimentare. La molteplicità dei compiti affidati alla Forestale affonda le radici in una storia professionale dedicata alla difesa dei boschi, che si è evoluta nel tempo fino a comprendere ogni attività di salvaguardia delle risorse agroambientali, del patrimonio faunistico e naturalistico nazionale.
Rivolgiti presso l’ufficio del Corpo forestale a te più vicino e presenta un esposto per porre fine agli effetti nefasti di questo delitto.
Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale