Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Donazione - Impugnazione della donazione lesiva della quota di legittima e quota di riserva a favore dei figli





Una donazione può essere contestata in qualsiasi momento? 
Mia madre 94 anni,  era proprietaria di 8/16 di un maso  (prati, bosco, malga, casa e stalla). I rimanenti 8/16 sono suddivise in 8 figli. Un paio di mesi fa ha donato la sua proprietà  a un unico figlio; tale donazione è  stata registrato nel catasto, pertanto ora risulta che un figlio possiede 9/16 dell’intera proprietà. Mia madre non avendo altre proprietà, chiedo:
a) è legale tale donazione
b) se non lo fosse, si può impugnare la donazione  anche già adesso, mentre la madre è ancora in vita?
c) occorre per tale azione l’assistenza legale oppure la si può fare anche come privato cittadino – quale è la procedura?

Attendo Vostra risposta e invio cordiali saluti



RISPOSTA



Tale donazione è lesiva della quota di legittima spettante agli altri figli, tuttavia per impugnarla è necessario attendere la morte dell'anziana madre.
Ai sensi dell'articolo 537 II comma del codice civile, la quota di legittima spettante a tutti i figli, complessivamente, è pari a 2/3 dell'intero asse ereditario della mamma.

Art. 537 del codice civile. Riserva a favore dei figli legittimi e naturali.

Salvo quanto disposto dall'articolo 542, se il genitore lascia un figlio solo, legittimo o naturale, a questi è riservata la metà del patrimonio.
Se i figli sono più, è loro riservata la quota dei due terzi, da dividersi in parti uguali tra tutti i figli, legittimi e naturali.
I figli legittimi possono soddisfare in denaro o in beni immobili ereditari la porzione spettante ai figli naturali che non vi si oppongano. Nel caso di opposizione decide il giudice, valutate le circostanze personali e patrimoniali.


Ipotizziamo un valore dell'asse ereditario pari a 99.000 euro.

Ciascun figlio deve ereditare almeno una quota di legittima pari a “66.000 euro (2/3 dell'asse ereditario) diviso otto figli = 8.250 euro.

Se gli 8/16 del maso avessero un valore di 99.000 euro, alla morte della madre, il figlio donatario dovrebbe pagare un conguaglio in denaro, altri altri fratelli diseredati dall'eredità, pari a 8.250 euro ciascuno.
Soltanto alla morte della mamma … non finché la mamma sarà in vita.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale