Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Prestare denaro per consentire attività illecite è reato





Salve il mio quesito é: se impresto una certa cifra di soldi ad un amico che usa questi soldi per fini illeciti ad esempio per acquistare delle sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.
Chi ha prestato i soldi può essere perseguito penalmente? cioè ci possono essere dei provvedimenti da parte delle forze dell'ordine? anche se ovviamente chi presta i soldi non entra in contatto con la sostanza stupefacente e ne con i vari acquirenti l’unica cosa che fa è farsi ridare il denaro con un minimo di interesse. Ovviamente d’accordo con l’amico. E se l'amico viene arrestato e dice questo alla polizia? Gli può succedere qualcosa? Anche se questo discorso viene ripetuto più.



RISPOSTA



Il problema semmai, è che tu mi parli di “vari acquirenti” …
Tu presti denaro ad una persona che con tali somme non acquista droga per farne un uso personale, ma a fini di spaccio, cercando di lucrare un guadagno illecito.

Di questa circostanza tu ne sei perfettamente consapevole e ne trai un profitto, ossia gli interessi attivi che incameri al momento della restituzione del denaro.

Tanto premesso, potresti essere coinvolto nelle indagini, con l’imputazione di concorso nel reato di acquisto, detenzione e spaccio di stupefacenti, ai sensi del combinato normativo predisposto dagli artt. 110 del codice penale, e 73 DPR 309 del 1990.

Se invece il tuo amico fa un uso personale della droga, non si configurerebbe alcun reato da parte tua. Il reato di favoreggiamento infatti, di cui all'articolo 378 del codice penale, sanziona un comportamento che venga tenuto al fine di impedire il regolare svolgimento da parte dell’Autorità di attività di indagine penale o, comunque, di ricerca di un soggetto che sia sospettato di essere autore di un reato effettivamente commesso. L’avvenuta commissione di un reato è la condizione necessaria ed imprescindibile per integrare il favoreggiamento, mentre nel tuo caso, al momento del prestito, il reato non è stato ancora commesso.

Certo: potresti sempre dire alla polizia che non sapevi nulla dello spaccio di stupefacenti … e le intercettazioni telefoniche ??? Hai fatto attenzione quando parlavi al telefono ??!!

Ribadisco: se non ho compreso bene dei particolari della tua vicenda, resto a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale