Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Delega funzioni di sicurezza sul lavoro nella società per azioni





Egregi,
pongo un quesito relativo alle deleghe inerenti la sicurezza sul lavoro.

premessa

L'articolo 16 comma 3-bis del TU d.lgs 81 \2008 recita:

 Il soggetto delegato può, a sua volta, previa intesa con il datore di lavoro delegare specifiche funzioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro alle medesime condizioni di cui ai commi 1 e 2. La delega di funzioni di cui al primo periodo non esclude l’obbligo di vigilanza in capo al delegante in ordine al corretto espletamento delle funzioni trasferite. Il soggetto al quale sia stata conferita la delega di cui al presente comma non può, a sua volta, delegare le funzioni delegate.


domanda: 

contesto: società per azioni

 Credo che in una società per azioni (spa), il cda rappresenti il datore di lavoro ai fini della sicurezza. In assenza di deleghe le responsabilità in toto ai fini della sicurezza ricadrebbero sull'intero cda. E' corretto?
Se si, allora, qualora il cda individuasse con verbale in data etc etc. un delegato con delega specifica e comprensiva dei poteri di deliberazione e spesa, tale delega rappresenterebbe già un primo livello di delega dei due possibili menzionati all'art. 16 comma 3 bis del dlgs 81? 
Sarebbe pertanto consentito delegare un'altra sola volta ad un sub delegato? 

oppure costui potrebbe delegare a sua volta ad altro soggetto ?

il dubbio è relativamente al contesto spa: il verbale del cda va considerato un primo livello di delega ? come se il cda fosse una persona fisica che delega una prima volta? 

grazie



RISPOSTA



Premesso che la definizione di datore di lavoro, ai fini della sicurezza in azienda, è data dall'articolo 2 lettera B del relativo testo unico:

B. DATORE DI LAVORO il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l’assetto dell’organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell’organizzazione stessa o dell’unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa.

Il datore di lavoro coincide quindi con l'organo di vertice con poteri decisionali e di spesa: il direttore generale – amministratore delegato.

Il direttore generale/amministratore delegato ha facoltà di delegare Tizio (primo livello di delega).
Tizio, in conformità a quanto previsto dall'articolo 16 del testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, ha facoltà di delegare Caio (secondo livello di delega o sub-delega).

Il datore di lavoro, nell'ambito giuridico della SPA, è la persona fisica del direttore generale – amministratore delegato.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale