Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Termine per emissione sentenza tribunale del lavoro





Nel 2010 ho affrontato una causa di lavoro di primo grado con esito  negativo, sono ricorso in appello e il mio legale il 10.10.014 mi ha  portato a conoscenza che il giudice andava in decisione e entro 5  giorni avrebbe emesso la sentenza, a oggi non è stato emesso nulla,  vorrei sapere quali sono i tempi per l'emissione della sentenza.
Saluti



RISPOSTA



Per quanto riguarda il processo civile possiamo affermare che il termine per depositare la sentenza è 15 giorni per il giudice di pace, 30 giorni per il tribunale monocratico e 60 giorni per il tribunale collegiale.

Per quanto riguarda il processo del lavoro, possiamo fare riferimento alle norme seguenti del codice di procedura civile, ossia 60 giorni per la pronuncia e 15 per il deposito in cancelleria.

Art. 429. Pronuncia della sentenza 

Nell'udienza il giudice, esaurita la discussione orale e udite le conclusioni delle parti, pronuncia sentenza con cui definisce il giudizio dando lettura del dispositivo e della esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione. In caso di particolare complessita' della controversia, il giudice fissa nel dispositivo un termine, non superiore a sessanta giorni, per il deposito della sentenza. 


Art. 430. Deposito della sentenza 

La sentenza deve essere depositata in cancelleria entro quindici giorni dalla pronuncia. Il cancelliere ne da' immediata comunicazione alle parti.


Il termine è ordinatorio e non perentorio. Se il giudice non rispetta il termine, questo non implica la nullità o l'invalidità della sentenza, ma soltanto conseguenze disciplinari per il magistrato.
E' frequente che i magistrati non rispettino tali termini previsti dal legislatore per l'emissione della sentenza.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale