Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Mancato rispetto preavviso di 20 giorni per la convocazione per la prova orale di un concorso pubblico presso ASL





Gent.mi, l'ASL xxxxxx ha bandito un concorso per tecnico di radiologia (comparto sanità). Espletate le prove scritte e pratiche, ha previsto tre giornate per la prova orale. Nell'ultima giornata, quella del 18 ottobre, il presidente della commissione sembrerebbe abbia avuto un malore. Pertanto la prova è stata rinviata al 30 ottobre.

Domanda:
In ottemperanza del DPR 220/01, è' lecito il comportamento dell'ASL xxxx nel rimandare la prova senza un preavviso di almeno 20 giorni?

Conclusione: senza un preavviso di almeno 20 giorni, molti concorrenti al concorso non potranno partecipare perché, a loro volta, hanno obblighi di preavviso presso i datori di lavoro.

Grazie.

RISPOSTA



Immagino che tu faccia riferimento all'articolo 7 comma 3 del regolamento recante disciplina concorsuale del personale non dirigenziale del Servizio sanitario nazionale

3. “Ai candidati che conseguono l’ammissione alle prove pratica e orale deve essere data comunicazione con l’indicazione del voto riportato nella prova scritta. L’avviso per la presentazione alla prova pratica e orale deve essere dato ai singoli candidati almeno venti giorni prima di quello in cui essi debbono sostenerla”.

Il preavviso di venti giorni, di cui al regolamento, è finalizzato appunto a consentire al candidato di chiedere un giorno di ferie al datore di lavoro, prenotare il treno, prenotare l'albergo etc etc

La “ratio” dell'articolo 7 comma 3 non è tanto quella di avvisare il candidato che urge riaprire i libri per prepararsi all'esame orale … giacché in venti giorni si studierebbe ben poco, quanto quella di consentire al candidato di organizzarsi dal punto di vista logistico, per poter essere presente all'esame finale.

Confermo quindi quello che hai scritto: la riconvocazione al 31 ottobre non è conforme al regolamento, in considerazione della “ratio” a fondamento della norma contenuta nell'articolo 7 comma 3.

Consiglio di presentare ricorso al TAR, in via cautelare ed urgente per chiedere il rispetto della predetta norma, relativamente alla convocazione alla prova orale.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: