Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto al reddito di inclusione REI, è irrilevante il requisito familiare dal 01/07/2018





Avrei bisogno di consulto per sapere se ho diritto al nuovo REI - reddito di inclusione - ho reddito di povertà dal 1° luglio 2018.
Ho 50 anni, disoccupata, divorziata , vivo con mia madre che riceve una pensione di circa 1100 euro netti mensili prima non potevo accedere al REI dato che tale reddito veniva erogato calcolando reddito famigliare, ora hanno detto che adesso tale reddito viene erogato personalmente cioè calcolando solo il mio isee e non quello famigliare. grazie attendo per sapere come comportarmi.

 

RISPOSTA



Non è corretto quanto riportato nel tuo quesito.
Il reddito di inclusione è stato previsto e disciplinato con la “Delega recante norme relative al contrasto della povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali” (Legge 15 marzo 2017, n. 33). Successivamente, è stato adottato dal Governo il decreto legislativo n.147 del 15 settembre 2017.
Il Rei (reddito di inclusione) è uno strumento di contrasto alla povertà, sostitutivo del Sia, sostegno per l’inclusione attiva (la così detta carta acquisti), e dell’Asdi, assegno di disoccupazione; il REI deve essere richiesto al comune di residenza.
Il Rei nell'anno 2018 sarà erogato alle famiglie in possesso dei seguenti requisiti:

a) requisiti di residenza e soggiorno;
b) requisiti familiari;
c) requisiti economici.

Per quanto riguarda i requisiti di residenza e soggiorno, il richiedente deve essere un cittadino dell’Unione europea o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente; deve inoltre residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento della presentazione della relativa istanza per poter ottenere il REI.

Per quanto riguarda i requisiti familiari, fino al 30 giugno 2018, colui che presenta l'istanza per il reddito di inclusione deve far parte di un nucleo familiare che rispecchi almeno una delle seguenti condizioni:

- presenza di un minorenne;
- presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore o un suo tutore;
- presenza di una donna in stato di gravidanza accertata
- presenza di una persona di età pari o superiore a 55 anni che abbia terminato di riscuotere l’indennità di disoccupazione da tre mesi ovvero altrimenti risulti disoccupato da almeno tre mesi (fattispecie novellata dalla legge di bilancio 2018).

Dal primo luglio prossimo venturo, ossia dal 01/07/2018, il requisito familiare non sarà più operativo nel senso che alla luce delle modifiche in materia di reddito di inclusione apportate dalla legge di Bilancio 2018 (legge 205/2017, articolo 1, commi 190, 191 e 192), si avrà diritto al Rei a prescindere dal predetto requisito familiare (dal 1° luglio 2018, cioè, ai fini del diritto al REI si farà riferimento soltanto al requisito di residenza e soggiorno ed al requisito economico).

Il requisito economico, appunto, resterà invariato anche dal prossimo primo luglio!
Il requisito economico fa riferimento all'ISEE calcolato sempre e comunque in considerazione del nucleo familiare del richiedente, quindi nel caso “de quo” anche in considerazione del reddito percepito dalla madre convivente con il richiedente!
In sintesi, per “requisito economico ai fini REI” dobbiamo intendere:

Il nucleo familiare del richiedente deve essere in possesso congiuntamente di:
- un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6mila euro;
- un valore ISR non superiore a 3mila euro;
- un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20 mila euro (valore da ricavare dall’ISEE);
- un valore del patrimonio mobiliare non superiore a 10 mila euro, ridotto a 8 mila euro per la coppia e a 6 mila euro per la persona sola (valore da ricavare dall’ISEE).
Ogni componente del nucleo familiare deve avere maturato il diritto a percepire la Naspi ovvero altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria, e non deve possedere autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (salvo autoveicoli destinati alle persone con disabilità).

Nel tuo quesito hai fatto confusione tra il requisito familiare che verrà mano dal prossimo 1 luglio, con le modalità di calcolo dell'ISEE, punto di riferimento per la sussistenza del requisito economico ai fini REI.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: