Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Illegittimità multa abbandono rifiuti in base a documenti trovati nel sacchetto aperto dalla polizia locale





Salve in data odierna ho ricevuto una sanzione dal comune per abbandono di un sacchetto di rifiuti , all’interno del sacchetto hanno rinvenuto una multa con il mio nominativo, e un preventivo di assicurazione senza nominativo. Sono stato convocato dai vigili per un chiarimento, ed io ho dichiarato di essere all’oscuro di tutto , e che il mio contenitore della carta viene messo ogni Lunedì sulla strada nell’attesa dello smaltimento.

Non so’ come questi documenti possano essere capitati in un sacchetto della spazzatura abbandonato. Inoltre oltre ad aver multato me di 300 euro, hanno multato anche mia moglie di altre 300 euro totale 600 euro, dicendo che siamo in due in casa.

Chiedo gentilmente un vostro parere è allego file documenti. In attesa porgo i miei saluti. Grazie.

 

RISPOSTA



Confermo l'illegittimità del verbale di violazione dell'articolo 255 del decreto legislativo n. 152 del 2006, oltre che dell'ordinanza sindacale n. 44 del 25 maggio 2011, per i seguenti motivi:

Art. 255 decreto legislativo n. 152/2006. Abbandono di rifiuti
1. Fatto salvo quanto disposto dall'articolo 256, comma 2, chiunque, in violazione delle disposizioni di cui agli articoli 192, commi 1 e 2, 226, comma 2, e 231, commi 1 e 2, abbandona o deposita rifiuti ovvero li immette nelle acque superficiali o sotterranee è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da trecento euro a tremila euro. Se l'abbandono riguarda rifiuti pericolosi, la sanzione amministrativa è aumentata fino al doppio.
(comma così modificato dall'art. 34 del d.lgs. n. 205 del 2010)

Innanzitutto il verbale può essere annullato per mancata contestazione immediata della violazione. Il predetto verbale viene notificato all’interessato, dopo diversi giorni dalla contestazione dei fatti, mentre l’art. 14 della legge 689 del 1981 dispone espressamente che la violazione, quando è possibile deve essere contestata immediatamente tanto al trasgressore quanto alla persona che sia obbligata in solido al pagamento. Dal verbale non emerge alcun tentativo da parte degli agenti accertatori, di verificare nell’immediatezza a chi appartenesse il sacchetto contenente indifferenziato, abbandonato in via Lungomare.

Gli accertatori hanno altresì violato la normativa in materia di privacy, aprendo il sacchetto per verificare il contenuto, al fine di risalire al presunto trasgressore.
Secondo il Garante della Privacy, l’uso ispettivo dei sacchetti in luoghi diversi dalla propria dimora può essere consentito esclusivamente quando non sia in nessun altro modo identificabile (sacchetti dotati di microchip, di codici a barre, o eventualmente di RFID). La polizia locale, aprendo il sacchetto abbandonato, contenente indifferenziato, ha leso situazioni giuridicamente tutelate, quale la libertà e la segretezza della corrispondenza lasciata nei rifiuti.

L'apparato motivazionale della multa che ti è stata comminata è palesemente illegittimo in quanto la multa comminata al cittadino non deve indicare solo gli estremi dell’illecito ma anche identificare con precisione il colpevole.
Non soltanto il colpevole non è stato identificato al momento della violazione della norma di legge, non soltanto non si motivano le ragioni per cui non è stato possibile contestare immediatamente la violazione … ma non si motiva nemmeno la quantificazione della multa tra il minimo ed il massimo edittale!
Perché proprio 600 euro, se il minimo edittale prevede 300 ed il massimo edittale prevede 3000? Perché in casa ci sarebbe anche tua moglie???!!!
La motivazione non è pertinente, visto che non risulta la precisa identificazione del colpevole nella persona di tua moglie.

Consiglio entro 30 giorni dalla notifica di chiedere di essere sentito personalmente ovvero di presentare scritti difensivi, ai sensi degli articoli 16 e 17 della legge 689 del 1981.

Se non accoglieranno le tue memorie difensive, ti sarà notificata un'ordinanza ingiunzione da impugnare con ricorso al tribunale civile, trattandosi di materia ambientale A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.


Modello richiesta di annullamento multa

 

Fonti: