Incentivi al responsabile unico procedimento RUP dell'ufficio tecnico comunale





Sono un geometra impiegato presso un ufficio tecnico di un ente locale. Da diversi anni, oltre a svolgere il mio lavoro ordinario d'ufficio, mi sono ritrovato investito, per personale competenza acquisita, ad eseguire tutti gli adempimenti in capo al Responsabile Unico del Procedimento nell'esecuzione dei lavori pubblici (art.7 della L. 109/94 e s.m.i.), senza alcun indennizzo aggiuntivo (per. esempio quota spettante alla figura di supporto al RUP).
In pratica il Dirigente trattiene per se tutti gli incarichi di RUP, limitandosi ad apporre solo la sua firma nei relativi atti, da me predisposti, e riscuotere le competenze spettanti, senza preoccuparsi di seguire e redigere personalmente i relativi atti ed adempimenti.
Con parole povere lui riscuote le spettanze RUP e io svolgo il lavoro.
Posso rifiutarmi nell'eseguire questa "mansione"?
Altro quesito: essendo inoltre stato nominato Responsabile del Procedimento in altre attività quali, Protezione Civile, Edilizia Privata, Edilizia Publica, Espropiazioni, senza nessun incendivo economico, posso rifiutare l'incarico, senza andare in contro a provvedimenti disciplinari?



RISPOSTA



La norma di riferimento è l’articolo 2104 del codice civile, applicabile anche al pubblico impiego:

Articolo 2104 del codice civile - Diligenza del prestatore di lavoro.

Il prestatore di lavoro deve usare la diligenza richiesta dalla natura della prestazione dovuta, dall'interesse dell'impresa e da quello superiore della produzione nazionale.
Deve inoltre osservare le disposizioni per l'esecuzione e per la disciplina del lavoro impartite dall'imprenditore e dai collaboratori di questo dai quali gerarchicamente dipende.

Il comportamento del dirigente è illecito: riscuotere le spettanze del RUP, senza svolgere le relative mansioni !!!
Puoi legittimamente rifiutarti di svolgere queste mansioni che non ti competono, non avendo l’incarico di RUP.

Per quanto riguarda la nomina a responsabile del procedimento, il discorso è più complesso; poiché la contrattazione collettiva ovvero le determinazioni dirigenziali non prevedono più incentivi, in ragione di tali nomine, il ruolo del responsabile del procedimento è considerato più che altro un fastidio …
Tanto premesso, i compiti fastidiosi devono essere attribuiti un po’ a tutti quelli che hanno i requisiti per svolgere tali mansioni, all’interno dell’ufficio.
Pertanto puoi legittimamente rifiutarti di accettare la nomina a responsabile del procedimento, laddove il dirigente attribuisse tali incarichi, sempre alle stesse persone, senza effettuare una rotazione; magari in ufficio, c’è un geometra con il tuo curriculum che non riceve mai questi incarichi, senza un valido motivo !!!
Allora, se il dirigente dovesse attuare una rotazione, per quanto riguarda l’attribuzione delle nomine a responsabile del procedimento, non potresti legittimamente rifiutarti di osservare le sue disposizioni, ex articolo 2104 del codice civile (corri il serio rischio di un provvedimento disciplinare); ma se il dirigente, attribuisce tali nomine, sempre agli stessi collaboratori, evitando di arrecare tale “fastidio” ad altri colleghi con il tuo stesso curriculum e con la tua professionalità, in tal caso, potresti legittimamente opporti alle sue decisioni, declinando la nomina a responsabile del procedimento.
Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: