Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Il datore di lavoro trattiene illegalmente dal TFR un importo pari al fondo cassa





Buongiorno ho ricevuto dal mio ex titolare tfr e busta con netto 5733,98 € in allegato c'è una lettera sua che dichiara che il bonifico che riceverò sarà di 5335,98 € cause:
Utilizzo telefono aziendale
Fondo cassa soldi liquidi mai restituiti
Oltre ad aver ricevuto un bonifico differente da quello che ha ridotto mi sta dando del ladro.
É possibile detrarre soldi in questo modo?



RISPOSTA



Non è assolutamente possibile e ti invito ad adire le vie legali contro il datore di lavoro, anche se l'importo trattenuto è pari a poche centinaia di euro; ne va di mezzo la tua integrità morale e professionale !
Come dovrebbe agire il datore di lavoro per effettuare la trattenuta?
Se il datore di lavoro si accorge che il dipendente ha abusato del telefono aziendale ovvero si è appropriato del denaro presente nella cassa aziendale, egli deve sporgere denuncia penale rispettivamente per il reato di appropriazione indebita e di furto !

Articolo n. 646 del codice penale. Appropriazione indebita.
1. Chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, si appropria il denaro o la cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso, è punito, a querela della persona offesa , con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a 1.032 euro .
2. Se il fatto è commesso su cose possedute a titolo di deposito necessario, la pena è aumentata .
3. Si procede d'ufficio , se ricorre la circostanza indicata nel capo


Articolo n. 624 del codice penale. Furto.

1. Chiunque s'impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 154 euro a 516 euro .
2. Agli effetti della legge penale, si considera cosa mobile anche l'energia elettrica e ogni altra energia che abbia un valore economico .
3. Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo che ricorra una o più delle circostanze di cui agli articoli 61, numero 7) e 625.


A seguito della denuncia-querela per appropriazione indebita oppure per furto, il datore di lavoro attiverà un procedimento penale, finalizzato ad ottenere un titolo giuridico necessario per agire nei confronti del dipendente dimissionario: una sentenza di condanna esecutiva e definitiva che accerti l'illecito commesso.

In assenza di valido titolo giuridico, non è possibile procedere alla trattenuta di cui alla presente consulenza.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: