Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Piano ferie diritto di fruire di almeno due settimane di ferie continuative





Gentile avvocato, sono un dipendente comunale e sono in procinto di inviare il mio piano ferie al mio segretario comunale.
Attualmente non ho consumato un solo giorno di ferie di competenza dell'anno 2017.
Ho intenzione di chiedere le prime due settimane di ferie di agosto, ma il mio responsabile mi ha già anticipato che a nessun dipendente sarà concesso di ottenere quindici giorni consecutivi di ferie.
Ricordo essere un mio diritto, ottenere due settimane di ferie continuative !
Vorrei i riferimenti normativi.
Vorrei capire se le ferie di competenza dell'anno 2017, possono esser godute entro i diciotto mesi successivi all'anno di maturazione, così come mi ha accennato il mio responsabile.

Resto in attesa di riscontro.



RISPOSTA



Posso confermare, in considerazione di quanto previsto nel parere dell'ARAN RAL 1722, che il dipendente comunale ha diritto di fruire di almeno due settimane di ferie durante l’anno di maturazione. Le previsioni dell’art. 10, comma 1, del D.Lgs. n.66/2003, espressamente, impongono, come obbligatoria, la fruizione da parte del lavoratore, entro l'anno di maturazione, di almeno due settimane di ferie, che, in presenza di una richiesta in tal senso del lavoratore stesso, devono essere continuative. I termini per la fruizione delle ferie sono quelli indicati nell'art.18 del CCNL del 6.7.1995, sia per l'eventuale differimento per esigenze personali (entro il 30 aprile dell’anno successivo a quello di maturazione) sia per il differimento per esigenze di servizio (30 giugno dell’anno successivo a quello di maturazione), e la loro violazione si può tradurre solo in una forma di inadempimento contrattuale, anche suscettibile di dar luogo a contenzioso giudiziario.

Il diverso termine dei 18 mesi successivi all’anno di maturazione, previsto dal D.Lgs.n.66/2003, per la fruizione delle ferie eccedenti le due settimane, che obbligatoriamente devono essere fruite nell’anno di maturazione, deve intendersi utile ai soli fini della possibile applicazione delle sanzioni amministrative, di cui all’art. 18 - bis del medesimo D.Lgs.n.66/2003.
La norma non consente al dipendente di chiedere di spostare la fruizione fino al 18° mese successivo a quello di maturazione; né tale spostamento può essere autonomamente operato dal datore di lavoro.
Se non usufruirai di tutte le ferie dell'anno 2017, entro il prossimo 31 dicembre, chiederai di spostarle nei primi quattro mesi dell'anno 2018, per esigenze personali. Per esigenze di servizio invece, il datore di lavoro potrà spostare ulteriormente la fruizione dei giorni di ferie, fino al 30 giugno 2018.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: