Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Requisiti naspi scuola per i supplenti insegnanti precari in stato di disoccupazione involontario





Buongiorno vi contatto in merito a una richiesta Naspi ingiustamente respinta 2 volte (compreso riesame) dall'Inps di xxxxxx e attualmente ferma presso il "Comitato provinciale" che dovrebbe esaminare il mio ricorso.
La documentazione necessaria per capire il caso è in allegato.
Riassumo il tutto

- Impiegato a tempo indeterminato presso una ditta privata (xxxxx Spa) dal 01/06/2011 al 02/02/2017.
- Mi sono licenziato volontariamente dalla suddetta ditta per assumere incarico di docente supplente presso una scuola secondaria di II grado dal 03/02/2017 al 13/06/2017.
- Ho presentato domanda Naspi tramite patronato presso Inps di xxxxx che, nonostante invio di allegati che comprovano i due lavori svolti, mi dice che la domanda avrei dovuto farla a Febbraio, non vedendo (non volendo vedere) che ho lavorato presso una scuola (come sopra)
- La domanda e' stata respinta. Il riesame (14/07/2017) è stato respinto (ovviamente gli allegati sono stati mandati). Il ricorso è fermo dal 20 settembre 2017 (siamo al 23 ottobre 2017).

Sono passati 5 mesi dalla prima richiesta.
Come posso fare per far valere un mio diritto, non riconosciuto per una disattenzione (voluta?) dell'Inps di xxxxx? Come posso agire ? Ci sono dei termini per una risposta ?

Grazie per l'attenzione.

RISPOSTA



Buongiorno vi contatto in merito a una richiesta Naspi ingiustamente respinta 2 volte (compreso riesame) dall'Inps di xxxxxx e attualmente ferma presso il "Comitato provinciale" che dovrebbe esaminare il mio ricorso. La documentazione necessaria per capire il caso è in allegato. Riassumo il tutto - Impiegato a tempo indeterminato presso una ditta privata (xxxxx Spa) dal 01/06/2011 al 02/02/2017. - Mi sono licenziato volontariamente dalla suddetta ditta per assumere incarico di docente supplente presso una scuola secondaria di II grado dal 03/02/2017 al 13/06/2017. - Ho presentato domanda Naspi tramite patronato presso Inps di xxxxx che, nonostante invio di allegati che comprovano i due lavori svolti, mi dice che la domanda avrei dovuto farla a Febbraio, non vedendo (non volendo vedere) che ho lavorato presso una scuola (come sopra) - La domanda e' stata respinta. Il riesame (14/07/2017) è stato respinto (ovviamente gli allegati sono stati mandati). Il ricorso è fermo dal 20 settembre 2017 (siamo al 23 ottobre 2017). Sono passati 5 mesi dalla prima richiesta. Come posso fare per far valere un mio diritto, non riconosciuto per una disattenzione (voluta?) dell'Inps di xxxxx? Come posso agire ? Ci sono dei termini per una risposta ? Grazie per l'attenzione. LAVORO Requisiti naspi scuola per i supplenti insegnanti precari in stato di disoccupazione involontario. Silenzio-rigetto del comitato provinciale INPS dopo 90 giorni dalla presentazione del ricorso amministrativo. RISPOSTA La risposta al presente quesito è piuttosto scontata: essendo il docente, in possesso dei requisiti NASPi Scuola 2017, ossia

1) stato di disoccupazione involontario

2) dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro all'Inps, al Centro per l'Impiego o tramite Portale Unico Registrazione disoccupati;

3) essersi attivati nella ricerca di lavoro, secondo le regole del patto di servizio personalizzato, sottoscritto presso il Centro per l'Impiego

4) aver versato almeno 13 settimane di contributi nei 4 anni precedenti l'evento di disoccupazione involontaria;

5) avere effettuato almeno 30 giornate di lavoro effettivo, negli ultimi 12 mesi prima del licenziamento.

Si configura diritto alla NASPI, nel caso “de quo”, a patto che il richiedente abbia presentato la domanda all'INPS, a pena di decadenza, entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

Avrai facoltà di procedere con ricorso al tribunale civile – sezione lavoro, una volta che avrà avuto conclusione il procedimento dinanzi al comitato provinciale oppure una volta che saranno decorsi 90 giorni dalla data di proposizione del ricorso amministrativo, configurandosi il cosiddetto silenzio-rigetto che consente il ricorso giurisdizionale.

Normativa di riferimento

ARTICOLO 46 COMMI 5 E 6 DELLA LEGGE 88 DEL 1989

5. Il termine per ricorrere al comitato provinciale è di novanta giorni dalla data di comunicazione del provvedimento impugnato.

6. Trascorsi inutilmente novanta giorni dalla data della presentazione del ricorso, gli interessati hanno facoltà di adire l'autorità giudiziaria.

Legge 9 marzo 1989, n. 88

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.