Modifica parametri per l’erogazione del premio di produzione in corso dell’anno





Salve, sono stato assunto in un azienda nel 2003 e ho nel contratto è incluso un premio di produzione basato su alcuni indicatori che l'azienda fornisce di anno in anno per capire se questo premio è stato raggiunto. Questi parametri venivano forniti entro febbraio ed il premio, se raggiunto, erogato nel febbraio successivo. A seguito di una fusione, quest'anno la nuova azienda ha deciso che solo alcune figure della mia vecchia azienda hanno diritto al premio, ad altre ha proposto di avere tale premio in busta paga ogni mese ma con una decurtazione. Questo taglio varia dal 50% al 90% in base alla proprio retribuzione fissa.
Questa decisione è stata comunicata ad agosto, con una lettera che prevede la modifica in tal senso e che deve essere firmata per accettazione. Volevo capire cosa succede se non firmo la lettera di accettazione: vale quanto previsto nella lettera di assunzione ed in questo caso posso esigere l'erogazione del 100% del vecchio premio? grazie mille.

RISPOSTA



Si tratta appunto di una proposta contrattuale relativa al salario accessorio: chiedono al lavoratore se preferisce passare da un premio di produzione misurabile, in ragione di indicatori di performance, ad un premio di produzione erogato a pioggia, mensilmente in busta paga, che prescinde dalle valutazioni e dagli indicatori.
Insomma, una scelta tra un piccolo premio, ma sicuro e mensilmente corrisposto, ed un premio più alto, ma variabile ed eventuale.

La proposta è legittima, tuttavia la decisione finale spetta al lavoratore dipendente.

Se il lavoratore non firmerà la lettera di accettazione, continuerà a considerarsi efficace quanto previsto nella lettera di assunzione, ossia il premio di produzione legato agli indicatori ed alle performance, in quanto, ai sensi dell'articolo 2112 del codice civile, “in caso di trasferimento d'azienda, il rapporto di lavoro continua con il cessionario ed il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano”.
Il soggetto risultante dalla fusione è subentrato nel contratto di lavoro di cui alla tua lettera di assunzione … sia nei diritti che negli obblighi!

Una riflessione molto concreta: se non accetterai di firmare la lettera di accettazione, avrai diritto di pretendere l'erogazione del “vecchio” premio di risultato, a condizione di avere raggiunto tutti gli obiettivi! Nella misura in cui avrai raggiunto tutti gli obiettivi!

Immagino che ci sia una commissione interna che valuta il raggiungimento degli obiettivi, da parte del singolo dipendente … mi auguro che i commissari siano obiettivi ed imparziali, nel valutare le tue performance.
Mi auguro che la valutazione della tua performance, non diventi uno strumento di ritorsione per punire il fatto di non avere firmato la lettera di accettazione.
Ho questo fondato timore …

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: