Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Dimissioni della lavoratrice madre con figlio di età inferiore ad un anno





Buongiorno,

gentile avvocato le scrivo perché vorrei avere una delucidazione in merito alle mie probabili dimissioni.

Sono un’impiegata di uno studio Notarile (inquadrata come impiegata 2° livello – ccnl studi professionali consilp).

Ho avuto un bambino e attualmente sono a casa in maternità facoltativa.

 

RISPOSTA



In concreto, dopo avere beneficiato della maternità obbligatoria, nei primi tre mesi di vita del bambino, hai chiesto il congedo parentale di sei mesi, retribuito al 30% del tuo stipendio. A breve, tuo figlio avrà nove mesi e tu rientrerai in servizio, al termine della maternità facoltativa.



La maternità sta finendo e quindi dovrei rientrare a lavorare il 30 ottobre 2018, tra pochi giorni.

Vorrei chiederle, se dovessi dare le dimissioni volontarie, secondo il mio livello, contratto e situazione con un minore di 9 mesi :

- Quanti giorni di preavviso dovrei fare?

 

RISPOSTA



Nel primo anno di vita del figlio, non si applica il periodo di preavviso di dimissioni! Hai diritto di dimetterti senza preavviso; hai diritto all'indennità sostitutiva di preavviso, come se fossi stata licenziata senza preavviso. Avrai inoltre diritto di percepire la naspi. Ai sensi dell'articolo 93 comma 7 del CCNL studi professionali consilp, le dimissioni volontarie della lavoratrice, fino al terzo anno di vita del bambino, dovranno essere comunicate alla direzione territoriale del lavoro competente territorialmente, in ragione della residenza della lavoratrice, al fine di ottenere la relativa convalida. Non saranno efficaci pertanto le dimissioni presentate telematicamente! Le dimissioni dovranno ovviamente essere comunicate al datore di lavoro, con raccomandata a/r oppure con consegna a mano con ricevuta, come previsto dall'articolo 127 comma 1 del CCNL studi professionali consilp.

Le dimissioni saranno efficaci dalla data della convalida da parte della direzione territoriale del lavoro competente territorialmente, in ragione della residenza della lavoratrice.

Successivamente al primo anno di vita di tuo figlio, le dimissioni dovranno essere comunque convalidate dalla direzione territoriale del lavoro, tuttavia dovranno rispettare i termini di preavviso previsto dall'articolo 129 del CCNL:
-75 giorni fino a 5 anni di anzianità
-105 giorni da 5 anni a 10 anni di anzianità
-135 giorni oltre i dieci anni di anzianità

In caso di mancato rispetto del termine di preavviso delle dimissioni, dovrai versare al datore di lavoro un'indennità equivalente all'importo della retribuzione globale di fatto, corrispondente al periodo di preavviso non rispettato, comprensiva dei ratei di 13esima e 14esima (come da articolo 130 del CCNL).



Nel caso decidessi di non farli che eventuale penale avrei?

 

RISPOSTA



La penale indicata nell'articolo 130 del CCNL



Se il datore di lavoro fosse d’accordo ,invece, che non facessi il preavviso, vado incontro comunque a qualche penale? Anche se siamo d’accordo entrambi a non farlo?

 

RISPOSTA



In caso di accordo tra datore di lavoro e dipendente dimissionario, non si applica il periodo di preavviso, ai sensi dell'articolo 130 comma 2 del CCNL.



Nel caso invece facessi tutto il preavviso, posso avere il tempo ridotto alle 6 ore lavorative giornaliere, per l’allattamento, anche se sono nel preavviso, in quanto il bambino ha 9 mesi?

 

RISPOSTA



Non ne avresti diritto, perché hai già beneficiato di sei mesi di congedo parentale. Il diritto all'allattamento è alternativo al congedo parentale, così come il part time previsto in sostituzione della maternità facoltativa.
L'allattamento non ha nulla a che vedere con il preavviso di dimissioni; anche perché, durante il primo anno di vita del bambino, non sei tenuta a dare il preavviso di dimissioni, oltre ad avere diritto ad un'indennità … come se il datore di lavoro ti avesse licenziata senza preavviso ( preavviso di 90 giorni fino a 5 anni, 120 da 5 a 10 anni, 150 oltre 10 anni di anzianità).

Tanto premesso, nulla vieta al datore di lavoro di concederti un part time confacente alle tue richieste (anche se il datore di lavoro non sarebbe obbligato a concederti il part time).



Quando e come si danno le dimissioni, nel mio caso dovrei rientrare il 30 ottobre, devo dare le dimissioni entro un particolare giorno e portare poi le carte in qualche ufficio per la convalida?

 

RISPOSTA



Le presenterai personalmente il prossimo 30 ottobre e le trasmetterai per la convalida presso la direzione territoriale del lavoro. Le dimissiono saranno efficaci dal giorno della convalida.

La ringrazio molto per l’attenzione, mi faccia pervenire il corrispettivo, che provvederò subito al pagamento.

Cordiali saluti.

Fonti: