Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Genitore con affidamento condiviso del figlio minorenne rifiuta di vedere suo figlio





Buongiorno Avvocato, sono separata legalmente da novembre 2014, io e il mio ex abbiamo un figlio e abbiamo l'affidamento condiviso, un fine settimana a testa una notte infrasettimale e le vacanze divise a metà, il mio ex marito ad oggi non ha rispettato nessuna data, il bambino non ha mai dormito da lui e su un anno e mezzo sarà stato con lui 5 giorni. Io cosa posso fare per la legge??? Discutendo con lui non sente ragioni dice solamente che lui non ha più un figlio e che io non deve dirgli cosa deve fare!!!! Grazie spero di essere stata chiara nella descrizione.



RISPOSTA



Le alternative concrete, a prescindere da qualsiasi disquisizione giuridica, morale o etico-genitoriale, sono due:

1)Presentare un esposto-denuncia alla polizia giudiziaria oppure presso la procura della Repubblica, per il reato di cui all'articolo 650 del codice penale: inosservanza di un provvedimento legalmente dato dall'autorità giudiziaria per ragioni di giustizia.

“Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall'Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d'ordine pubblico o d'igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda fino a duecentosei euro”.

Se sceglierai questo percorso giuridico, di carattere penalistico, vorrà dire che avrai deciso di coartare la volontà del genitore, nel senso di utilizzare gli strumenti di carattere penale, per costringerlo a tenere vivo il suo rapporto genitoriale con il figlio.
Quanto meno, a seguito del tuo esposto, il padre sarà convocato dai carabinieri o dalla polizia … e si spera che tale colloquio possa portare a più miti consigli …

2)Ricorrere al tribunale civile con richiesta di affidamento esclusivo del figlio a favore della madre (stante la negligenza paterna) ed incremento dell'assegno di mantenimento a favore della prole, visto che il ragazzo trascorrerà tutto il tempo con sua madre (quindi le spese vive a carico della madre avranno un logico incremento che sarà coperte dall'incremento dell'assegno di mantenimento a carico del padre).

Mi sento di consigliare questa seconda opzione.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale