Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diffamazione sui Social: è sufficiente conoscere l'account per fare denuncia





Salve, sono a conoscenza di qualcuno che sta contattando in privato, tramite messaggi, persone che conosco e che parla male di me scrivendo cose che non ho mai fatto o cose che ho fatto ma senza il giusto contesto. Anche se sono più che sicuro che lo ha fatto altre volte, l'omertà generale mi ha spinto ad avere un solo testimone e i suoi messaggi.

Di questa persona ho solo il numero di telefono e l'account di Facebook. Sto cercando un modo per: - dirgli ufficialmente di smetterla, possibilmente con un documento ufficiale - sporgere denuncia per diffamazione
Grazie.



RISPOSTA



Giuridicamente parlando, non esiste un modo ufficiale per dirgli di smetterla … bonariamente lo si può contattare con un SMS ovvero telefonicamente. Ma tale contatto non avrebbe alcuna rilevanza giuridica.

E' possibile sporgere querela per diffamazione, presso la polizia, carabinieri ovvero procura della Repubblica, indicando nella querela medesima, il suo numero di telefono e l'account di Facebook. La denuncia per il reato di cui all'articolo 595 del codice penale, deve essere presentata entro 90 giorni dalla notizia del reato, a pena di decadenza, ai sensi dell'articolo 124 del codice penale.

Il reato di diffamazione è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032 euro.

Articolo n. 124 del codice penale. Termine per proporre la querela. Rinuncia.

1. Salvo che la legge disponga altrimenti , il diritto di querela non può essere esercitato, decorsi tre mesi dal giorno della notizia del fatto che costituisce il reato .
2. Il diritto di querela non può essere esercitato se vi è stata rinuncia espressa o tacita da parte di colui al quale ne spetta l'esercizio .
3. Vi è rinuncia tacita, quando chi ha facoltà di proporre querela ha compiuto fatti incompatibili con la volontà di querelarsi .
4. La rinuncia si estende di diritto a tutti coloro che hanno commesso il reato .


Articolo n. 595 del codice penale. Diffamazione.

1. Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032 euro.
2. Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a 2.065 euro.
3. Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico , la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a 516 euro.


Consiglio pertanto di presentare querela per diffamazione, comunicare al soggetto di avere proceduto a querelarlo, precisando che ritirerai la querela soltanto nel momento in cui arriveranno le sue scuse ufficiali; in caso di scuse ufficiali rinuncerai altresì a chiedere il risarcimento dei danni morali.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: