Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Delibera condominiale di approvazione di lavori ed interventi volti a migliorare la sicurezza e la salubrità degli edifici e degli impianti





Condominio con riscaldamento centralizzato con caldaia sostituita solo in paio di anni fa. Ora, con delibera da assemblea condominiale ottenuta con maggioranza si propongono lavori condominiali di allacci riscaldamento dai radiatori di ciascun alloggio privato a centraline poste nei corridoi comuni di ciascun piano. Motivo di tali lavori e a detta dell'amministratore di eventuali futuri risparmi e migliore resa dell'impianto stesso.
Vorrei sapere se tali lavori possono deliberarsi solo su maggioranza oppure sarebbe da richiedersi l'unanimità? Il fatto e che i tubi di allaccio devono essere collocati su soffitto o pavimento degli stessi alloggi privati e passato e collegati con forature di muri dentro casa. Cio pare ovvio comporti disagi per i lavori condominiali da farsi dentro case private oltre che a problemi di decoro pur potendo coprire tali tubi con canaline.

Può quindi una maggioranza di assemblea condominiale deliberare una cosa del genere oppure ci vuole l'unanimità? Con osservanza



RISPOSTA



A detta dell'amministratore, si trattava di approvare, con delibera condominiale, alcuni lavori ed interventi volti a migliorare la sicurezza e la salubrità degli edifici e degli impianti, ex art. 1120, co. 2 del codice civile.
Ai fini dell'approvazione da parte dell'assemblea, era quindi necessaria la maggioranza indicata dal secondo comma dell'articolo 1136 del codice civile: maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio.

A seguito della riforma del condominio del 2013, l'unanimità è richiesta soltanto per la modifica delle tabelle millesimali di natura contrattuale, nei casi non previsti dall'articolo 69 delle disposizioni di attuazione del codice civile. Si tratta dell'unica ipotesi di necessaria unanimità in assemblea.

Confermo la legittimità della delibera assembleare; ciò non toglie che l' “invasione” nelle proprietà private, finalizzata all'effettuazione dei lavori, dovrà avvenire nel pieno rispetto delle abitudini e degli impegni dei singoli condomini … ma questo è un discorso differente dalla legittimità o illegittimità della delibera.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: