Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Mediazione obbligatoria processo civile





Salve, di recente mi e' stato riconsegnato un immobile "magazzino" in locazione; il giorno della consegna delle chiavi ho notato che lo stesso era in pessimo stato, pertanto, non ho rimborsato la caparra di 1200 euro; un architetto di mia fiducia mi ha stilato una relazione dei danni che superano 3000,00 euro; orbene, ho inviato una comunicazione mediante A/R informando ex conduttore, facendo presente di essere disponibile ad una conciliazione bonaria(tra di noi), senza intervento di un mediatore: il mio ex conduttore rifiuta di dialogare e di ottemperare, ritengo, agli adempimenti contrattuali, pertanto, si e' rivolto ad un avvocato che svolge il ruolo di mediatore.
Quesito: sono obbligata a ritirare la A/R in giacenza, quale invito a presentarmi?la giacenza e' di 30gg, ma sono trascorsi SOLO 5 gg;la data della mediazione non supera i 30 gg di giacenza della raccomandata, E' REGOLARE?



RISPOSTA



Non sei obbligata a ritirare la raccomandata in giacenza.
Non sei obbligata a partecipare alla mediazione.
Sì, è regolare che la data di mediazione non superi i trenta giorni della raccomandata.
Un attimo … come fai a conoscere la data della mediazione se non ha ritirato la raccomandata ?!



Nel caso venisse restituita per compiuta giacenza incorro in qualche penalità?



RISPOSTA



NO.
La notifica dell'invito si considererà perfezionata per compiuta giacenza.
Giuridicamente, si intende che avrai avuto conoscenza legale della raccomandata, anche se non l'avrai nemmeno aperta ! Non c'è motivo per rifiutare il ritiro della raccomandata.



Se mi presento ho obbligo di farmi assiste da un legale?



RISPOSTA



In sede di mediazione obbligatoria, hai titolo per presentarti soltanto con un legale.



posso presentarmi senza un legale, cosi' la situazione viene trattata da un giudice di pace, HO PIU' FIDUCIA DI UNA CAUSA GIUDIZIALE; SONO CONVINTA CHE IL MIO CONDUTTORE NON INTENDERE PAGARE NULLA NEANCHE LA RUBINETTERIA DEL BAGNO CHE COSTA POCHI EURO,OLTRE ALLA MOLLA DELLA SERRANDA CHE COSTA 150,00 EURO, ECC.... ALLA MEDIAZIONE CHI PUO' PRESENZIARE?



RISPOSTA



Soltanto la parte interessata insieme all'avvocato di fiducia.



ANCHE UN EVENTUALE PERITO?



RISPOSTA



Il perito generalmente non è presente in sede di mediazione, quanto meno al primo incontro. Il tuo avvocato può produrre al mediatore la relazione del perito. Il mediatore può invitare il perito negli incontri successivi al primo.



IO DESIDERO UN GIUDIZIO IN TRIBUNALE DAVANTI AL GIUDICE, MI SENTO PIU' TRANQUILLA, CHE STRATEGIA POSSO UTILIZZARE?



RISPOSTA



Nulla ti vieta di presentarti alla mediazione, insieme all'avvocato che ti difenderà nel coso del processo dinanzi al giudice di pace (valore della causa inferiore a 5000 euro, quindi competenza del giudice di pace), di ascoltare la proposta del mediatore e di rispedirla al mittente, dichiarando di non considerarla opportuna.
Quando il primo incontro di programmazione tra le parti e il mediatore si conclude con un mancato accordo, non è dovuto alcun compenso per l’organismo di mediazione. Considera che in materia di locazioni, il tentativo di mediazione preventiva è obbligatorio per tutti il 2017. La parte che intende agire in giudizio ha l’onere di tentare la mediazione, con l’assistenza di un avvocato, che deve, chiaramente e per iscritto, informare il proprio assistito, sia della possibilità di procedere alla mediazione e delle relative agevolazioni fiscali che dei casi in cui il procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale.

Il mio consiglio ?

Ritirare la raccomandata ed esaminarla con attenzione (a disposizione per esaminarla insieme); presentarti alla mediazione con l'avvocato che ti seguirà nel corso del processo dinanzi al giudice di pace. Ascoltare la proposta e rigettarla con dichiarazione a verbale.
Attenzione, dalla mancata partecipazione senza giustificato motivo al procedimento di mediazione, il giudice può desumere argomenti di prova (contro di te ovviamente) nel successivo processo ai sensi dell’articolo 116, secondo comma, del codice di procedura civile. Quando la mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale, come in questo caso, il giudice condanna la parte costituita, che non partecipa al procedimento senza giustificato motivo, al pagamento di una somma pari al contributo unificato.
Il mancato ritiro della raccomandata non ti consentirà di giustificare l'assenza in sede di mediazione. Rischi di partire con il piede sbagliato nel processo civile e rischi una sanzione pecuniaria pari al contributo unificato.
Ma in fondo … perché non ascoltare nemmeno la proposta della controparte ?! Sarai sempre libera di rigettarla !!!

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.