Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Pagamento CTU, notifica atto di precetto per l'intero importo del compenso





In una vertenza ereditaria fra 4 nipoti, 2 figli , 1 nuora si è dovuto ricorrere a un CTU per verificare alcuni conti correnti. La parcella piuttosto gravosa, era da pagare in solido per ogni componente. E' stato pagato un acconto e poi non abbiamo pagato più nulla. Ora dopo diversi anni il ctu ha richiesto il pagamento della rimanenza con un atto di precetto, inviato a un componente l'asse ereditario (un figlio nonché mio fratello) (che poi è quello che ha maggior reddito ). Il suo avvocato ci ha chiamati imponendoci di pagare la ns. parte immediatamente. Al momento, né io né i miei figli chiamati in causa siamo in condizioni economiche da poter far fronte a tale richiesta. Poiché tra lui, la moglie e noi non c'è più alcun rapporto, legato sempre a questioni economiche CHIEDO: l'atto di precetto è intestato a mio fratello.
Tocca a lui pagare? E se noi, non avendo la possibilità non paghiamo, il CTU prosegue gli atti solo nei suoi confronti? Salvo poi lui rivalersi su di noi?



RISPOSTA



La responsabilità in solido dei coeredi, nei confronti del CTU e del compenso a lui spettante, come da ordinanza del giudice, funziona così.
Il CTU invia l'atto di precetto, per l'intero importo, a tutti i coeredi, poiché all'atto di precetto può essere allegata anche una copia conforme dell'ordinanza di liquidazione del compenso del CTU, a firma del magistrato istruttore.

Quindi di atti di precetto … il CTU ne può mandare quanti ne vuole, visto che di copie conformi ne può fare quante ne vuole …

Se nessun pagherà il compenso, il CTU notificherà atto di pignoramento nei confronti soltanto di un coerede, ovviamente per l'intero importo, poiché all'atto di pignoramento deve essere allegato necessariamente l'originale dell'ordinanza di liquidazione del compenso, ossia il titolo esecutivo.

… e di originale ce n'è uno solo !

Colui che pagherà l'intera somma spettante al CTU, a seguito di pignoramento, avrà poi diritto di regresso nei confronti degli altri coeredi.

Mi dirai: … e se tutti i coeredi dovessero pagare l'intero importo precettato ?

Il CTU al momento della fatturazione del compenso, rimborserà le somme non dovute a tutti i coeredi !

Tutto questo è valido in generale … 
In questo caso, se il CTU ha precettato soltanto tuo fratello, evidentemente tuo fratello è stato condannato dal giudice ad anticipare l'intero compenso al CTU (salvo definizione della ripartizione dell'onere con sentenza definitiva) !

Consiglio di non pagare nemmeno un euro, fino a quando non riceverete atto di precetto anche voi.

Se tuo fratello non dovesse essere stato condannato ad anticipare per intero la CTU (salvo definizione della ripartizione dell'onere con sentenza definitiva), vorrà dire che dopo che avrà pagato l'intero importo, agirà in rivalsa nei vostri confronti.

A mio parere tuo fratello è stato condannato dal giudice ad anticipare l'intera CTU, ed il suo avvocato vi vuole fregare !

Ad ogni modo, pagherete soltanto quando riceverete anche voi atto di precetto.

A disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.