Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Invalidità dell’accordo prematrimoniale in caso di matrimonio in Romania





Io sono divorziato , ho un figlio. Frequento una signora di nazionalità rumena, divorziata anche Lei, con un figlio. Vorremmo contrarre matrimonio. Ci vorremmo sposare in Romania con rito civile in comune e poi in chiesa in Romania con rito ortodosso. La signora sarebbe disponibile a firmare davanti ad un notaio in Romania un documento ( accordo prematrimoniale ??) in cui rinuncia in caso di separazione e in caso di eredità al mio patrimonio.

Domande:


- Cosa comporta per la legge italiana il fatto di sposarsi in Romania; 
- E' vero che bisogna trascrivere l'atto di matrimonio in Italia, cosa succede se non viene trascritto;
- L'atto di rinuncia è valido;
- In caso di eredità la signora può accampare diritti;
- Il figlio della signora può accampare dei diritti.


Grazie Cordiali saluti

 

RISPOSTA



La Romania fa parte dell'Unione Europea, quindi nulla ti vieta di contrarre matrimonio presso le autorità della Romania. Ovviamente, essendo tu cittadino italiano, il matrimonio rumeno dovrà essere trascritto anche in Italia, presso il tuo comune di residenza.
Penso che tu abbia già letto la seguente pagina web. Sono indicati anche i modelli di domanda per la trascrizione in Italia del matrimonio rumeno.

Matrimonio davanti alle autorità civili romene

In caso di mancata trascrizione? Il matrimonio non avrebbe effetti giuridici in Italia, ma soltanto in Romania. Attenzione, essendo tu un cittadino italiano DEVI trascrivere il matrimonio nei registri del tuo paese! Non si tratta di una facoltà discrezionale.

L'atto di rinuncia invece non è assolutamente valido, in quanto contrario alla legge italiana.
La legge italiana non prevede accordi prematrimoniali e la rinunzia all'eredità è qualificabile come patto successorio, quindi un patto nullo ai sensi dell'articolo 758 del codice civile.

Art. 458 del codice civile. Divieto di patti successori.
Fatto salvo quanto disposto dagli articoli 768-bis e seguenti, è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone della propria successione. È del pari nullo ogni atto col quale taluno dispone dei diritti che gli possono spettare su una successione non ancora aperta, o rinunzia ai medesimi.


In caso di eredità la signora può accampare diritti successori ai sensi dell'articolo 583 del codice civile; in caso di tuo testamento, la signora avrebbe diritto alla quota di legittima. Il figlio invece no, non hai nessun rapporto di parentela con il figlio della signora.

Art. 583 del codice civile. Successione del solo coniuge.
In mancanza di figli legittimi o naturali, di ascendenti, di fratelli o sorelle, al coniuge si devolve tutta l'eredità.


A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: