Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Fac simile diffida al vicino per il taglio dei rami delle siepi che invadono la proprietà altrui





Buongiorno ho un problema con un vicino di casa, le nostre proprietà confinano e sono separate da una rete metallica. Ha una siepe sulla sua proprietà che con la ramicazione invade la mia proprietà', creando sporco e limitando il passaggio nel cortile .Tutti gli anni nel periodo di taglio siepe problemi .Ho provato con solleciti verbali ,ma non sembra ascoltarli. Chiedo per cortesia un fac simile di lettera ,da inviare con raccomandata e ricevuta di ritorno ,nella speranza diventi ragionevole.
Ringrazio anticipatamente per la Vs assistenza e saluto cordialmente.

 

RISPOSTA



OGGETTO: DIFFIDA AI SENSI DELL'ARTICOLO 896 DEL CODICE CIVILE – TAGLIO DEI RAMI DELLA SIEPE POSTA AL CONFINE TRA LE PROPRIETA'.

Egr. sig. xxxxxxx, la presente per significarLe quanto segue:

la siepe di sua proprietà, piantata e coltivata a ridosso della rete metallica che segna il confine tra le nostre proprietà, come di consueto, ha invaso con i suoi rami, la proprietà della scrivente, creando situazioni “poco igieniche” ben visibili ad occhio nudo!!!, oltre a limitare sensibilmente il diritto passaggio nel cortile, strettamente e giuridicamente connesso al diritto di proprietà dell'immobile !

L'articolo 896, I comma, del codice civile, prevede che il proprietario ovvero il titolare di diritto reale, sul cui fondo si protendono i rami degli alberi o delle siepi del vicino, possa in qualunque tempo costringerlo a tagliarli, potendo egli stesso tagliare le radici che si addentrano nel suo fondo.

L'articolo 892, I comma, numero 3 del codice civile, prevede che le siepi siano piantate ad una distanza dal confine non inferiore a mezzo metro, in assenza di un muro divisorio tra le proprietà.

Tanto premesso e considerato, con la presente diffida, la invito a provvedere tempestivamente al taglio dei rami delle siepi che invadono la proprietà della scrivente, considerato il fatto che l'articolo 896 I comma del codice civile, consente al vicino di tagliare le radici, ma non i rami che si protendono sulla sua proprietà, con espressa riserva di adire le vie legali, in caso di inottemperanza alla presente diffida, e con conseguente richiesta di risarcimento danni ed aggravio di spese legali a suo esclusivo carico.

Si resta in attesa di un suo riscontro, entro sette giorni dal ricevimento della presente.

Salvezze illimitate.

LUOGO DATA FIRMA

Fonti: