Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Infortunio alunno scuola materna, richiesta di risarcimento alla scuola





Buongiorno, scrivo poiché nostra figlia si è fratturata il polso a scuola, cadendo da un gioco in giardino che presentava problemi di manutenzione.
Volevo sapere se in questo caso il danno è coperto da RC assicurativa e quali potrebbero essere i danni coperti (o per farla semplice quale potrebbe essere un indennizzo accettabile considerando il gesso ed i 30 giorni di prognosi ricevuti). Da un punto di vista procedurale va presentata domanda o pensa a tutto la scuola? Grazie

RISPOSTA



La scuola generalmente si avvale di due assicurazioni.
Abbiamo l'assicurazione INAIL, ossia l'assicurazione obbligatoria che copre gli incidenti avvenuti durante lo svolgimento di attività che sono indicate al punto 28 dell’art.1 del T.U. 1124/65, in particolare gli infortuni che si verificano nel corso delle esperienze tecnico-scientifiche e delle esercitazioni pratiche e di lavoro, nonché quelli che si verificano durante lo svolgimento di esercitazioni di scienze motorie e sportive, con esclusione degli infortuni in itinere non connessi alla specifica attività per la quale sussiste l’obbligo di legge.
Gli alunni delle scuole materne non rientrano in nessun modo nell’ambito di applicazione del testo unico menzionato, in quanto la loro attività non è assimilabile alle esercitazioni pratiche.
Mi parli di “giochi in giardino”, quindi escluderei l'attivazione dell'assicurazione INAIL, anche perché penso che tua figlia frequenti ancora la scuola materna (dubito che alla scuola elementare ci siano giochi in giardino!)

Abbiamo inoltre l'assicurazione privata integrativa stipulata dall’istituto scolastico.
Di quale istituto scolastico si tratta ? Vediamo se ha per caso un sito web dove viene indicata la polizza sottoscritta e la copertura assicurativa attivabile.
Resto in attesa di riscontro.

L’assicurazione integrativa vale per gli infortuni che possono verificarsi nel corso di tutte le attività realizzate dalla scuola, sia all’interno che all’esterno, in conformità alla vigente normativa scolastica, comprese quelle previste dal Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F.) realizzate e messe in atto dall’Istituto Scolastico anche in collaborazione con soggetti esterni mediante stesura di regolare protocollo di intesa sottoscritto tra le parti e previa delibera degli Organi Scolastici competenti. L’assicurazione privata integrativa deve essere stata stipulata a seguito di una delibera del Consiglio di Istituto e consente allo studente di essere coperto da eventi accidentali avvenuti all’interno della scuola.

Tanto premesso, tua figlia è salita sulla giostra perché la sua maestra ha accompagnato gli alunni in giardino, per un'attività ludica prevista dal piano formativo?

Oppure tua figlia, di sotterfugio, è salita sulla giostra durante la ricreazione?
Nel primo caso, l'assicurazione integrativa è attivabile.
Nel secondo caso, ferma la responsabilità della scuola, stante l'obbligo di custodia del docente nei confronti dell'alunno, di cui all'articolo 2048 del codice civile, l'assicurazione integrativa non è attivabile!

Ad ogni modo, il genitore invierà la richiesta di risarcimento danni direttamente alla scuola. Sarà la scuola poi, nei 30 giorni successivi al sinistro, ad attivare l'assicurazione (nei casi in cui sia attivabile).
In allegato alla richiesta di risarcimento danni firmata dal genitore, ci sarà la documentazione medica rilasciata dal pronto soccorso-ospedale (entro 24 ore dal sinistro, l'alunna deve essere partata necessariamente presso un presidio ospedaliero !) e la documentazione relative alle spese mediche “vive” sostenute fino ad allora.

Adesso calcoliamo l'indennizzo da chiedere alla scuola. Ho necessità delle seguenti informazioni:

-Qual è l'eta dell'alunna?
-Ha riportato un danno biologico permanente ? Immagino e spero proprio di no!
-Giorni di invalidità totale ? 30 giorni?
-Giorni di invalidità parziale ? Quanti giorni oltre ai 30 di invalidità totale?
-Totale spese mediche?

Ad ogni modo, al momento, non siamo in grado di calcolare il risarcimento totale da chiedere alla scuola (che poi lo chiederà eventualmente all'assicurazione integrativa).
E' possibile quindi inviare una richiesta generica di risarcimento danni, avente in allegato la documentazione medica del pronto soccorso, con riserva di quantificare la richiesta di risarcimento danni nei 15 giorni successivi!

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: