Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Fac simile proposta di vendita della quota immobiliare indivisa ai coeredi





Egregio avvocato, dovrei vendere la mia quota di immobile ereditato alla morte dei miei genitori, ad un soggetto terzo estraneo alla comunione ereditaria.
Per questo motivo, nel pieno rispetto dell'articolo 732 del codice civile, devo procedere dapprima con la notifica della proposta di vendita nei confronti dei coeredi, ossia i miei fratelli, al fine di consentire loro l'eventuale esercizio del diritto di prelazione sulla quota in comunione ereditaria indivisa, entro i due mesi previsti dalla legge.
Mi servirebbe un fac simile di lettera da notificare ai coeredi.
Grazie.

 

RISPOSTA



OGGETTO: DIRITTO DI PRELAZIONE AI SENSI DELL'ARTICOLO 732 DEL CODICE CIVILE – NOTIFICA IN FAVORE DEI COEREDI – PROPOSTA DI ALIENAZIONE.
Premesso che il sottoscritto Tizio è titolare della quota di 1/6 del diritto di piena proprietà dell'immobile ubicato in ______________ via ____________________ categoria __, catastalmente identificato al N.C.U. con il foglio xxxx, particella xxx, subalterno xxxx;

-che il predetto diritto di proprietà deriva da successione ereditaria;

-che è sussistente la comunione ereditaria indivisa del predetto bene immobile;

-che l'articolo 732 del codice civile prevede quanto segue: qualora un coerede abbia intenzione di cedere ad un “estraneo” la propria quota ereditaria o parte di essa, egli, a norma dell'art. 732 del codice civile, deve notificare la proposta di acquisto ricevuta, con indicazione del relativo prezzo, agli altri coeredi, i quali, a parità di condizioni, hanno diritto di essere preferiti a terzi, potendo esercitare il c.d. diritto di prelazione entro il termine di due mesi dall'ultima notificazione.

TANTO PREMESSO E CONSIDERATO

rappresento nei confronti dei coeredi, signori Caio, Mevio, l'intenzione da parte dello scrivente di cedere la sua quota immobiliare pari a 1/6 come sopra meglio indicata, nei confronti di un soggetto estraneo alla comunione ereditaria, sig. xxxxxxxx, per il corrispettivo di xxxxxx euro.
Tanto dovevo al fine di consentire ai coeredi di esercitare il diritto di prelazione, ai sensi dell'articolo 732 del codice civile*, entro il termine di due mesi dall'ultima notificazione.
Resto in attesa di eventuale riscontro.
Distinti saluti.

*Art. 732 del codice civile. Diritto di prelazione.
Il coerede, che vuol alienare a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine di due mesi dall'ultima delle notificazioni. In mancanza della notificazione, i coeredi hanno diritto di riscattare la quota dall'acquirente e da ogni successivo avente causa, finché dura lo stato di comunione ereditaria.
Se i coeredi che intendono esercitare il diritto di riscatto sono più, la quota è assegnata a tutti in parti uguali.

Fonti: