Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Invalidità del testamento del marito che decide in merito anche alla successione ereditaria dei beni intestati alla moglie





mio padre è morto nel 2012 nel testamento da lui redatto a me ha lasciato un piccolo fabbricato di valore quasi pari alla quota legittima lasciando l'usufrutto del medesimo fabbricato a mia madre, a lei ha anche lasciato tutti i suoi soldi e in caso di sua morte i soldi andrebbero divisi tra i miei fratelli me escluso. ora mia madre è morta; a voi chiedo se per legge ho diritto a una quota di quei soldi, inoltre vorrei sapere come funziona per l'eredità della mamma distinti saluti



RISPOSTA



Il testamento di tuo padre è impugnabile in quanto egli non poteva determinare la successione della moglie, a mezzo del suo testamento. Ecco come doveva essere diviso il patrimonio di tuo padre, ai sensi dell'articolo 542 del codice civile.

Quota di legittima spettante a tutti i figli, da dividere tra loro in parti eguali ½
Quota di legittima della moglie ¼
Quota disponibile ¼

Art. 542 del codice civile. Concorso di coniuge e figli.

Se chi muore lascia, oltre al coniuge, un solo figlio, a quest'ultimo è riservato un terzo del patrimonio ed un altro terzo spetta al coniuge.
Quando i figli sono più di uno, ad essi è complessivamente riservata la metà del patrimonio e al coniuge spetta un quarto del patrimonio del defunto. La divisione tra tutti i figli è effettuata in parti uguali.


Mi pare di capire che i tuoi fratelli non abbiano ricevuto nulla dalla successione di tuo padre, quindi essi potrebbero impugnare il testamento per lesione di legittima, con ricorso al tribunale civile, entro 10 anni dalla morte del “de cuius”.

Passiamo alla successione della madre, che è differente ed autonoma rispetto a quella del padre.
La mamma è morta senza lasciare testamento.

L'asse ereditario della mamma deve essere suddiviso come segue, ai sensi dell'articolo 566 del codice civile. I beni della mamma, quindi anche il denaro che la mamma ha ereditato da suo marito, devono essere suddivisi in parti eguali tra tutti i figli. Hai diritto alla quota ereditaria sulla successione materna, ma i tuoi fratelli hanno diritto di impugnare il testamento paterno.

Art. 566 del codice civile. Successione dei figli.

Al padre ed alla madre succedono i figli, in parti uguali.

Consiglio ai fratelli di trovare un punto di incontro, onde evitare una costosa causa ereditaria dinanzi al tribunale civile.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale