Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Madre chiamata all'eredità del figlio muore senza averla accettata





E' recentemente deceduto (novembre 2016) un mio cugino di 1° grado, cugino dalla parte di nostro padre, celibe, senza figli, nè fratelli e sorelle. Vivente la mamma di 98 ricoverata in ospedale, che è deceduta a marzo 2017.

Non è stata fatta la successione dal figlio deceduto (al quale erano intestate tutte le proprietà della sua famiglia) alla mamma, in quanto impossibilitati. La mamma di mio cugino, nonché zia acquisita, ha un unico nipote (figlio di suo fratello deceduto).

Noi cugini dalla parte del marito siamo in sei.

Abbiamo diritto all'eredità o spetta tutto al nipote che porta il cognome della zia? Grazie



RISPOSTA



Secondo l'articolo 568 del codice civile, in assenza di testamento, l'intero asse ereditario del cugino si devolve a favore di sua madre, ai sensi dell'articolo 568 del codice civile.

Art. 568 del codice civile. Successione dei genitori.

A colui che muore senza lasciare prole, né fratelli o sorelle o loro discendenti, succedono il padre e la madre in eguali porzioni, o il genitore che sopravvive.


Poiché la madre era anziana, ricoverata presso una casa di riposo, non ha potuto accettare l'eredità del figlio, né espressamente con dichiarazione rilasciata al notaio, né per fatti concludenti.

Il diritto di accettare l'eredità del figlio, diritto ereditario che faceva capo alla madre, alla momento del decesso di quest'ultima è stato trasmesso agli eredi della signora, quindi ai suoi parenti più prossimi.

L'intero asse ereditario del cugino e di sua madre sarà ereditato dall'unico nipote, ossia il parenti più prossimo alla “de cuius”.

Art. 479 del codice civile. Trasmissione del diritto di accettazione.

Se il chiamato all'eredità muore senza averla accettata, il diritto di accettarla si trasmette agli eredi.
Se questi non sono d'accordo per accettare o rinunziare, colui che accetta l'eredità acquista tutti i diritti e soggiace a tutti i pesi ereditari, mentre vi rimane estraneo chi ha rinunziato.
La rinunzia all'eredità propria del trasmittente include rinunzia all'eredità che al medesimo è devoluta.


I cugini dalla parte del marito sono esclusi dall'eredità; l'unico nipote provvederà alle pratiche successorie sia del cugino che della signora (sua madre).

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.