Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

3 Consulenze:

1-Diritto successorio svizzero, successione senza testamento codice civile svizzero





Avrei bisogno di conoscere come deve essere ripartita l'eredità (parenti e quote) secondo il diritto successorio svizzero.
- il de cuius è cittadino Svizzero residente e domiciliato in Italia,
- non è stato fatto testamento;
- i parenti prossimi in vita (cugini e figli di cugini) sono cittadini svizzeri residenti in Svizzera e Lussemburgo
- l'eredità è costituita da beni immobili e mobili siti in Svizzera ed Italia;
- il de cuius alla data del decesso era vedova, non ha avuto figli, non ha fratelli e sorelle, i genitori, nonni e zii sono deceduti
- Sia da parte del padre che della madre la signora aveva due zii : A, B (parte padre) e C, D (parte madre).
Tutti e 4 gli zii sono deceduti ante apertura successione.
In totale la signora ha/ha avuto 6 cugini (5 in vita e 1 a lei premorto):
-Il cugino 1 è figlio unico figlio dello zio paterno A;
- La cugina 2 (deceduta prima del de cuius) è figlia unica della zia paterna B;
La cugina 2 ha 4 figli in vita (bis cugini del de cuius);
- I cugini 3,4,5 sono fratelli e figli dello zio materno C;
- Il cugino 6 è figlio unico dello zio materno D;
Chi sono gli eredi e quali quote spettano loro secondo il codice civile svizzero?
Grazie

RISPOSTA



A quanto pare, l'ordinamento giuridico svizzero, in questo caso, prevede l'applicazione dell'articolo 459 del codice civile, in materia di successione in assenza di testamento, senza discendenti, né fratelli, né coniuge del de cuius.

Art. 459 codice civile svizzero

1 Se il defunto non lascia né discendenti né eredi della stirpe dei genitori, l’eredità è devoluta ai parenti della stirpe degli avi.
2 Se al defunto sopravvivono gli avi delle linee paterna e materna, essi succedono in ogni linea in parti eguali.
3 L’avo e l’ava premorti sono rappresentati dai loro discendenti, i quali succedono per stirpe in ciascun grado.
4 Essendo premorto l’avo o l’ava della linea paterna o della linea materna senza lasciare discendenti propri, l’intera metà è devoluta agli altri eredi della medesima linea.
5 Se non vi sono eredi della linea paterna o materna, l’intera eredità è devoluta agli eredi dell’altra linea.

Tanto premesso, l'eredità sarà devoluta alla stirpe degli avi in parti eguali.

Abbiamo quindi 4 porzioni da attribuire alla discendenza degli zii A, B (parte padre) e C, D (parte madre).

Al cugino 1 andrà "molto bene", visto che essendo figlio unico, egli erediterà la quota del 25% che sarebbe spettata allo zio A.
I 3 figli della cugina 2, si divideranno tra loro la quota del 25% che sarebbe spettata alla zia B (6,25% a testa).
I cugini 3,4,5 si divideranno tra loro la quota del 25% che sarebbe spettata a C (6,25% a testa).

Al cugino 6 andrà "molto bene" esattamente come per il cugino 1, visto che erediterà l'intera quota del 25% che sarebbe spettata a D.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

2-Legge applicabile in caso di decesso in Italia del cittadino svizzero residente in Italia





Nel 2016 è deceduta in Italia una signora di cittadinanza Svizzera.
Da oltre 29 anni costei era residente e domiciliata in Italia. Non ha lasciato testamento. Il suo patrimonio è sia in Italia che in Svizzera.
Quale legislazione successoria deve essere applicata? italiana o svizzera?
Grazie

RISPOSTA



Ai sensi dell'articolo 46 della legge 218 del 1995, in materia di diritto internazionale privato, si applica la legge nazionale del “de cuius”.
In questo caso, la successione è regolata dalla legge svizzera, poiché il de cuius ha cittadinanza svizzera.

46. Successione per causa di morte.

1. La successione per causa di morte è regolata dalla legge nazionale del soggetto della cui eredità si tratta, al momento della morte.


Ai sensi dell'articolo 50 della predetta legge, sussiste la giurisdizione del tribunale italiano, competente territorialmente in ragione dell'ultima residenza del de cuius.

50. Giurisdizione in materia successoria.

1. In materia successoria la giurisdizione italiana sussiste: a) se il defunto era cittadino italiano al momento della morte; b) se la successione si è aperta in Italia; c) se la parte dei beni ereditari di maggiore consistenza economica è situata in Italia; d) se il convenuto è domiciliato o residente in Italia o ha accettato la giurisdizione italiana, salvo che la domanda sia relativa a beni immobili situati all'estero; e) se la domanda concerne beni situati in Italia.

Ciò significa che gli eredi/parenti più prossimi, potrebbero adire le vie legali presso il tribunale italiano dell'ultima residenza del de cuius, tribunale italiano che applicherebbe la legge svizzera.
Oppure potrebbero adire direttamente il giudice svizzero che applicherebbe le norme del suo ordinamento giuridico.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.



3 - Secondo il codice civile svizzero, in quanto figlio, hai diritto alla quota di legittima ai sensi dell'articolo 471 del codice civile svizzero.





La signora X ha due figli A e B.
Vive fino ai sessant'anni in italia poi si trasferisce in svizzera dove prende la residenza. Anche il figlio A va a vivere in svizzera. Decide quindi di donare tutti i suoi beni (eccetto piccola parte) al figlio A non lasciando nulla al figlio B che vive in italia. Si tratta di soldi su conti svizzeri, case in italia e in America del sud, società, opere d'arte in italia e in svizzera.
La Signora X decide quindi di trasferirsi in America del Suddove non prende la residenza (e vi permane per 6/7 mesi all'anno) fino a quando muore lasciando in testamento tutti i suoi beni ad A e diseredando B.

Il fratello B rimasto in italia può in qualche modo richiedere una legittima (secondo la legge italiana o svizzera) o resterebbe totalmente diseredato? Grazie

RISPOSTA



La porzione legittima è: 1.di tre quarti della quota ereditaria per i discendenti;
2.della metà per ciascuno dei genitori;
3.della metà per il coniuge superstite o il partner registrato superstite.

Ai sensi dell'articolo 477 del codice civile svizzero, i motivi della diseredazione sono i seguenti:

I. Motivi di diseredazione

Mediante disposizione a causa di morte, l'erede può essere privato della legittima: 1.quando abbia commesso un grave reato contro il disponente o contro una persona a lui intimamente legata;
2.quando abbia gravemente contravvenuto ai suoi obblighi di famiglia verso il disponente o verso una persona appartenente alla famiglia del medesimo.


Art. 478 B. Diseredazione / II. Effetti della diseredazione
II. Effetti della diseredazione

1 Il diseredato non può prender parte alla divisione della eredità né proporre l'azione di riduzione.
2 Salvo contraria disposizione del defunto, la porzione del diseredato è devoluta agli eredi legittimi del disponente come se il diseredato fosse premorto.
3 I discendenti del diseredato hanno diritto alla di lui quota legittima come se egli fosse premorto.

Art. 479 B. Diseredazione / III. Onere della prova
III. Onere della prova

1 Perché la diseredazione sia valida, occorre che il testatore ne abbia indicata la causa nella sua disposizione.
2 Se il diseredato contesta la fondatezza della causa di diseredazione, l'erede od il legatario che ne profitta deve fornirne la prova.
3 Se non può essere fornita questa prova, o se la causa di diseredazione non è indicata, la disposizione vale per la parte che eccede la legittima del diseredato, salvo che sia la conseguenza di un manifesto errore del disponente circa la sussistenza della causa di diseredazione.


Possiamo affermare che nel tuo caso, non sussistono i presupposti della diseredazione. Tanto premesso, secondo la legge svizzera, hai diritto alla quota di legittima pari a 3/4 diviso due figli, ossia il 37,5% dell'asse ereditario.

Secondo la legge italiana, non puoi essere diseredato e ti spetta una quota di legittima pari a 1/3 dell'asse ereditario, ai sensi dell'articolo 537 II comma del codice civile.

Art. 537 del codice civile. Riserva a favore dei figli.

Salvo quanto disposto dall'articolo 542, se il genitore lascia un figlio solo, a questi è riservata la metà del patrimonio.
Se i figli sono più, è loro riservata la quota dei due terzi, da dividersi in parti uguali tra tutti i figli.


Se il defunto era cittadino italiano al momento della sua morte, hai diritto di ricorrere al tribunale civile italiano, chiedendo l'applicazione della legge italiana, in materia di legittima.

Puoi altresì ricorrere al tribunale svizzero, chiedendo l'applicazione del codice civile svizzero in materia di quote di legittima.

Tre domande per chiarire la presente consulenza:
-La madre era cittadino italiana o svizzera ?
-I beni oggetto di successione ereditaria sono prevalentemente localizzati in Italia o in Svizzera ?
-Il fratello da citare in giudizio è residente in Italia o in Svizzera ?

Sarei propenso a ricorrere ai tribunali svizzeri, non fosse altro perché quelli italiani impiegherebbero diversi anni per arrivare ad una sentenza di primo grado !!!

Cordiali saluti.

Fonti: