Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Nullità testamento olografo scritto in parte al computer e non scritto interamente di pugno al testatore





Buongiorno mia zia (sorella di mio padre premorto) ha fatto 3 testamenti olografi, sua figlia è premorta ed ha solo il coniuge ( 2° marito).
io sono l'unico nipote (figlio di fratello) ma : nel primo testamento nomina erede universale il marito nel secondo, disereda me nipote e lascia tre legati alla badante nel terzo lascia tutto alla badante ma è scritto in parte con il computer.

 

RISPOSTA



Il terzo testamento non è valido, poiché il testamento olografo, a pena di nullità, deve essere scritto interamente di pugno dal testatore, ai sensi degli articoli 602 e 606 del codice civile.
Il testamento è nullo se manca l'autografia: il “testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore”.

Art. 602 del codice civile. Testamento olografo.
Il testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore.
La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni. Se anche non è fatta indicando nome e cognome, è tuttavia valida quando designa con certezza la persona del testatore.
La data deve contenere l'indicazione del giorno, mese e anno. La prova della non verità della data è ammessa soltanto quando si tratta di giudicare della capacità del testatore, della priorità di data tra più testamenti o di altra questione da decidersi in base al tempo del testamento.

Art. 606 del codice civile. Nullità del testamento per difetto di forma.
Il testamento è nullo quando manca l'autografia o la sottoscrizione nel caso di testamento olografo, ovvero manca la redazione per iscritto, da parte del notaio, delle dichiarazioni del testatore o la sottoscrizione dell'uno o dell'altro, nel caso di testamento per atto di notaio.
Per ogni altro difetto di forma il testamento può essere annullato su istanza di chiunque vi ha interesse. L'azione di annullamento si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie.



Il notaio ha pubblicato tutti e tre i testamenti, la badante ha rinunciato ed il coniuge ha ereditato tutto.

la mia domanda è se è possibile annullare l'ultimo testamento perché scritto in parte con mezzi meccanici

 

RISPOSTA



E' possibile far dichiarare la nullità dell'ultimo testamento, a seguito di atto di citazione al tribunale civile, in considerazione delle norme sopra citate del codice civile.



Fare io una rinuncia all'eredità

 

RISPOSTA



Non puoi rinunciare (ex art. 519 del codice civile) ad una eredità nei confronti della quale non sei stato nemmeno chiamato a succedere, essendo stato diseredato con il secondo testamento.



Chiedere l'apertura della successione legittima in quanto nel secondo testamento e anche nel primo non viene esaurito l'intero patrimonio ereditario

 

RISPOSTA



Assolutamente no, giacché nel primo testamento il genero della testatrice è nominato erede universale, ossia quel soggetto che subentra in tutti i rapporti giuridici patrimoniali attivi e passivi che facevano capo al “de cuius” … anche se tali rapporti patrimoniali non sono stati menzionati nel testamento !
La successione ereditaria è regolata dal combinato predisposto dall'interpretazione organica del primo e del secondo testamento.



... e quindi chiederei di passare ai miei figli per rappresentazione collaterale (unici parenti rimasti) la quota di legittima che mi sarebbe spettata se mia zia non mi diseredava ,spero di essere stato chiaro

 

RISPOSTA



Sei stati chiarissimo, ma nel momento in cui, nel primo testamento, la testatrice nomina un erede universale, questi subentra nella titolarità anche dei beni non indicati nel testamento (nei testamenti) … esattamente come risponderebbe dei debiti che facevano capo alla testatrice, debiti di cui l'erede non ha la benché minima conoscenza al momento dell'accettazione dell'eredità.

L'erede universale, al contrario del legatario, subentra in tutti i rapporti patrimoniali trasmissibili per diritto successorio, acquisendo anche gli eventuali debiti, a prescindere dalla conoscenza di tali situazioni giuridiche attive o passive.

Cordiali saluti.

Fonti: