Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Trasmissione del diritto di accettare l'eredità dal padre al figlio





Mio padre è morto , siamo tre fratelli, due sono morti dopo la morte di mio padre, sono rimasto solo io, ci sarebbe da dividere il patrimonio di mio padre. uno dei fratelli morti ha un figlio è vive in una parte di quota non ancora intestata , l'altro fratello morto l'anno scorso non ha figli ha sempre vissuto a Torino ha una moglie, la moglie può ereditare?



RISPOSTA



Immagino che tuo padre sia morto senza lasciare alcun testamento.
Il suo asse ereditario deve essere suddiviso in tre quote da attribuire ai tre figli-fratelli, deceduti dopo di lui (non possono quindi essere applicate le norme sulla rappresentazione).

Tre quote indivise di pari importo.

Le quote dei fratelli deceduti saranno ereditate dai loro eredi legittimi, ossia il figlio nel primo caso e la moglie nel secondo caso.

La moglie può ereditare la sua quota non applicandosi le norme sulla rappresentazione ereditaria (articoli 467 e seguenti del codice civile), in quanto è deceduto dapprima il padre e poi i suoi due figli.


----------------

Mio fratello morto poteva ereditare la quota di mio padre?



RISPOSTA



Certamente sì, ed il suo diritto di accettare l'eredità di suo padre, alla sua morte, è stato trasmesso ai suoi eredi legittimi (figlio o moglie)

Art. 479 del codice civile. Trasmissione del diritto di accettazione.

Se il chiamato all'eredità muore senza averla accettata, il diritto di accettarla si trasmette agli eredi.
Se questi non sono d'accordo per accettare o rinunziare, colui che accetta l'eredità acquista tutti i diritti e soggiace a tutti i pesi ereditari, mentre vi rimane estraneo chi ha rinunziato.
La rinunzia all'eredità propria del trasmittente include rinunzia all'eredità che al medesimo è devoluta.


----------------

Io essendo unico figlio legittimo di mio padre rimasto in vita quanto mi spetta ereditare?



RISPOSTA



In assenza di testamento, la quota di 1/3.

Art. 566 del codice civile. Successione dei figli.
Al padre ed alla madre succedono i figli, in parti uguali.


----------------

io vivo in un altra parte di quota non ancora intestata, non essendoci testamento, può un giudice intestare una quota ad un morto? la moglie può ereditare, o subentro io come erede di mio fratello?



RISPOSTA



… ad un morto … non si intesta più nulla !!!
Il giudice la intesterà agli eredi legittimi del “morto”, quindi alla moglie nel caso del secondo fratello.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale