Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Per ottenere la liquidazione dei buoni fruttiferi postali occorre aprire una pratica di successione interna alle poste italiane





Il Soggetto A sottoscrive ( in lire) un certo numero di Buoni postali fruttiferi cointestati anche al nipote B. Il soggetto A muore nel 2010; nella conseguente denuncia di successione tali titoli- per la quota di possesso di 1/2- vengono elencati nel quadro B4 "Altri beni" L'Agenzia delle Entrate rilascia la certificazione di cui al mod.240. Il nipote B, venuto a conoscenza della morte della Zia, fine anno 2013, richiede all'Ufficio Postale la liquidazione, della sua parte. A voce è stato detto che per la risposta occorrono 90 giorni e che comunque i BPF sarebbero stati liquidati per l'intero. Richiedo se la procedura attuata è regolare e se è possibile eventualmente il ricorso all'autorità giudiziaria.



RISPOSTA



Non solo la procedura è regolare … hai fatto più adempimenti di quelli previsti dalla legge.
I BFP non devono necessariamente essere indicati nella dichiarazione di successione. Niente di male ad indicarli … ma non sussiste obbligo di indicazione, ai sensi dell'articolo 12 del testo unico sulle successioni.
A confermo di quello che ho scritto …

http://www.avvocatogratis.it/giugno-2012/628-buoni-fruttiferi-postali-nella-dichiarazione-di-successione.html#.UwD9Tvl5M1M

Per ottenere la liquidazione dei BFP (liquidazione per intero ovviamente … ), è sufficiente aprire una pratica di successione interna alle poste italiane, compilando un atto notorio con cui indicare sotto la propria responsabilità.

1)La data del decesso di uno dei cointestatari.
2)Lo stato di famiglia integrale e storico del soggetto deceduto, al fine di stabilire se il de cuius, aveva o meno eredi legittimi.
3)Dichiarare che si applicano le norme del codice civile, in materia di successione legittima.
4)Non sussiste obbligo di presentare alle poste, la dichiarazione di successione presentata all'agenzia delle entrate. Ad ogni modo, ai fini della presentazione dell'atto notorio, le poste italiane, dispongono di appositi modelli prestampati.

La procedura è più che regolare …
Confermo il tempo medio di 90 gg per la liquidazione dei BFP.

In caso di diniego alla liquidazione dei BFP, sarà necessario ricorrere al tribunale civile; detto ciò, non vedo alcun motivo per cui le poste non dovrebbero liquidare i BFP, vista la regolarità della richieste e della procedura di richiesta di liquidazione.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale