Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto privato - Intimazione di sfratto, canone di locazione, inadempimento del conduttore





Buon Giorno,
vi chiedo una consulenza per questo motivo:
i miei genitori sono gravemente ammalati, e per i primi due trimestri  2011 non siamo riusciti a pagare l'affitto. Il proprietario ha fatto  l'intimazione di sfratto. Prima di comparire davanti al giudice  abbiamo saldato tutto, mi avanzavano solo Euro 300,00 di spese legali.
Premetto una cosa, i miei sono in affitto dalla stesso preprietario da  40 anni senza aver mai dato nessun problema, è qualche anno che con il  proprietario si sono accordati (sole verbalmente) di pagare l'affitto  mensilmente.
In data 10/12/2011 riceviamo un'altra intimazione di sfratto per: 
affitto arretrato di Agosto 2011 (non è vero, è stato regolarmente  pagato), sull'intimazione di sfratto viene scritto affitto Agosto  2011, invece da controlli eseguiti, riguardava il saldo della parcella  dell'Avvocato.
Poi mi vinene chiesto il saldo dell'Affitto di Dicembre, anche li  pagato, mancavano solo Euro 80,00 questo perchè il proprietario non mi  manda le ricevute.
Mi chiedo, ma è possibile emettere intimazione di sfratto cos'ì?
chiedendo importi non dovuti? Adesso le spese legali chi le deve pagare? Devo lo stesso presentarmi davanti al Giudice spieganto i  fatti? Perchè l'Avv.del proprietario scrive arretrato affitto agosto  invence che saldo della sua parcella?
Grazie,
Cordiali Saluti,



RISPOSTA



Se l'intimazione di sfratto è fondata su motivazioni ragionevoli, ossia se l'inquilino non ha pagato il canone di locazione, le spese sono a carico del conduttore che si è reso inadempiente verso il proprietario, anche se prima della convalida dello sfratto, da parte del tribunale, l'inquilino ha onorato il suo debito, pagando il canone di locazione dovuto.

Le spese legali per i primi due trimestri del 2011 sono sicuramente a carico degli inquilini che non hanno pagato i canoni di locazione alle scadenze prestabilite contrattualmente.

Le intimazione di sfratto per i mesi di agosto e di dicembre invece, non sono state validamente emesse, per un motivo molto semplice: il contratto prevede il pagamento del canone di locazione su base trimestrale e non mensile !!! L'accordo relativo al pagamento mensile del canone è soltanto verbale quindi giuridicamente inefficace, oltre che indimostrabile al giudice !!! Le spese legali, per queste ultime intimazioni di sfratto totalmente illegittime, saranno interamente a carico del proprietario che ha sbagliato grossolanamente nei vostri confronti.

Ti dovrai comunque presentare dinanzi al giudice per spiegare come stanno realmente le cose; dovrai spiegare soprattutto che il pagamento del canone è trimestrale, stando al contenuto del contratto di locazione. Dovrai chiedere al giudice di addebitare le spese giudiziarie del procedimento di sfratto, interamente a carico del proprietario. Il giudice non potrà fare altro che accogliere la tua richiesta.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale