Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Successione ereditaria conto bancario cointestato con una nipote del “de cuius”





Una signora ha lasciato in eredità un conto bancario che risulta cointestato a una nipote.Gli eredi legittimi risultano essere:la sorella e i due figli del fratello premorto.La nipote è appunto uno dei due figli del fratello premorto.Chi sono a questo punto gli eredi del conto e in quale percentuale? Grazie



RISPOSTA



Ipotizziamo che al momento della morte della signora fossero accreditati sul conto corrente, 100.000 euro.
Essendo un conto cointestato, una somma di 50.000 euro spetta alla nipote, a titolo di cointestataria, a prescindere dalla successione ereditaria. L'altra quota di 50.000 euro entra invece in successione.
La signora aveva un fratello ed una sorella.

Alla sorella andranno 25.000 euro.
Ai due figli del fratello premorto, per rappresentazione, andranno gli altri 25.000 euro, ossia 12.500 euro a testa.
La nipote cointestataria sarà complessivamente proprietaria di 62.500 euro.

Norme di riferimento.

Art. 570 del codice civile.Successione dei fratelli e delle sorelle.

A colui che muore senza lasciare prole, né genitori, né altri ascendenti, succedono i fratelli e le sorelle in parti uguali.
I fratelli e le sorelle unilaterali conseguono però la metà della quota che conseguono i germani.


Rappresentazione: articoli 467 e 468 del codice civile.

Capo IV - Della rappresentazione

Art. 467 del codice civile. Nozione.


La rappresentazione fa subentrare i discendenti legittimi o naturali nel luogo e nel grado del loro ascendente, in tutti i casi in cui questi non può o non vuole accettare l'eredità o il legato.
Si ha rappresentazione nella successione testamentaria quando il testatore non ha provveduto per il caso in cui l'istituto non possa o non voglia accettare l'eredità o il legato, e sempre che non si tratti di legato di usufrutto o di altro diritto di natura personale.

Art. 468 del codice civile. Soggetti.

La rappresentazione ha luogo, nella linea retta, a favore dei discendenti dei figli, legittimati e adottivi, nonché dei discendenti dei figli naturali del defunto, e, nella linea collaterale, a favore dei discendenti dei fratelli e delle sorelle del defunto.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale