Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Pagamento contributo di bonifica ordinario terreno





Buongiorno,
scrivo per conto di mia nonna XXXXXXXXX la quale ogni anno riceve da Equitalia una cartella di Euro 16 per conto del Consorzio di bonifica Ionio-Catanzarese.

Il terreno al quale il contributo fa riferimento è effettivamente di proprietà di mia nonna, ma è bruciato tantissimi anni fa ed è completamente inutilizzato risiedendo tutta la famiglia a Reggio Emilia e non più a P......... (CZ).

Vorremmo sapere se c'è un modo per smettere di pagare questo obolo ogni anno e come ci dovremo comportare quando mia nonna non ci sarà più, non vorremmo trovarci a dover fare questo versamento a vita anche noi nipoti.

In attesa di un vostro cortese riscontro allego copia della cartella e vi ringrazio per l'attenzione,
Cordiali Saluti



RISPOSTA



Non è possibile evitare il pagamento del contributo di bonifica ordinario, se non vendendo a terzi il terreno.
Il consorzio in questione, in passato, ha svolto dei lavori di bonifica che hanno incrementato il valore fondiario dei terreni assoggettati a contributo. In ragione di tali lavori e del correlato incremento di valore fondiario dei terreni, i proprietari, per il semplice fatto di essere proprietari del terreno (quindi a prescindere dall'utilizzo del terreno ovvero dalla sua coltivazione o dagli alberi presenti sullo stesso ovvero bruciati in passato etc etc) devono provvedere al pagamento del contributo, come previsto dalla legge regionale 321 del 1999.
Alla morte della proprietaria del terreno, il contributo sarà richiesto agli eredi in solido tra loro e la richiesta di Equitalia sarà notificata soltanto a quello risultante primo intestatario della certificazione catastale (fermo l'obbligo in solido di tutti i coeredi).
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale