Domanda di rimborso TARI, quota variabile, calcolata erroneamente anche in relazione alle pertinenze





Gentilissimo avvocato, sono residente con mia moglie ed i miei due figli, nel comune di xxxxxx, presso un'abitazione di mia proprietà composta da un appartamento con due pertinenze, ossia un garage ed una cantina.

L'ufficio tributi comunale ha calcolato illegittimamente, nel corso degli anni, la quota variabile della TARI, non soltanto in base alla superficie totale dellimmobile, ma anche in relazione anche alle pertinenze, cioè il garage e la cantina.

In considerazione della risposta ad interrogazione parlamentare n. 5-10764 del Sottosegretario all’Economia Pier Carlo Baretta, la quota variabile della Tari si calcola una sola volta, in base alla superficie totale dell’immobile, per tipologia di occupazione, e non anche in riferimento alle pertinenze.

Chiedo pertanto un modello di richiesta di rimborso, di quanto versato in eccesso circa la quota variabile dell'imposta TARI, per le mie due pertinenze.

RISPOSTA



OGGETTO: RICHIESTA DI AUTOTUTELA E DI RIMBORSO QUOTA VARIABILE TARI CALCOLATA IN ECCESSO.

Premesso che il sottoscritto NOME e COGNOME CODICE FISCALE, residente in xxxxxxxx, è proprietario di un appartamento (civile abitazione) con due pertinenze, ossia un garage ed una cantina.

Visto l'allegato 1 del D.P.R. 158/1999, punto 4.2, che prevede il calcolo della parte variabile della tariffa per le utenze domestiche, secondo la seguente formula matematica.

Tvd = Quv • Kb(n) • Cu (La quota variabile (Tvd) della tariffa per un'utenza domestica con N componenti il nucleo familiare è pari al prodotto della quota unitaria per un coefficiente di adattamento (Kb) per il costo unitario (Cu; £/kg))

Considerata la risposta ad interrogazione parlamentare n. 5-10764 del Sottosegretario all’Economia Pier Carlo Baretta, la quota variabile della Tari si calcola una sola volta, in base alla superficie totale dell’immobile, per tipologia di occupazione, e non in relazione anche alle pertinenze.

Considerato che il sottoscritto contribuente ha diritto al rimborso tari su quota variabile calcolata in eccesso.

TANTO PREMESSO E CONSIDERATO

Diffida l'amministrazione comunale ad annullare parzialmente in autotutela, ai sensi dell'articolo 21 nonies della legge 241 del 1990, le delibere di giunta e di consiglio comunale, in materia di TARI, non conformi ai principi giuridici di cui ai punti precedenti.

Di conseguenza, diffida l'ufficio tributi a versare entro e non oltre 15 giorni dal ricevimento della presente, la TARI (parte variabile) versata in eccesso dal sottoscritto, per quanto riguarda gli ultimi cinque annualità di imposta.

Con l'espresso avvertimento che in caso di comportamento omissivo da parte dell'amministrazione e dell'ufficio tributi, si adiranno le vie legali, con aggravio di spese a vostro carico.

LUOGO DATA FIRMA

Fonti: