Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Detrazione canone di locazione studente universitario fuori sede





Gentilissimo avvocato, mio figlio è uno studente universitario fuori sede. Abbiamo stipulato un contratto di locazione avente ad oggetto un monolocale in Roma (mio marito ha stipulato tale contratto, essendo nostro figlio interamente a carico della famiglia); noi siamo residenti in un comune della provincia di Roma, distante 106 km dalla capitale.
Le chiedo se abbiamo diritto alla detrazione d'imposta sugli affitti a favore degli studenti fuori sede, come indicato all'articolo 20 co. 8-bis del DL 148/2017 e dalla legge di stabilità.
Resto in attesa di un suo riscontro.

 

RISPOSTA



La legge di stabilità 2018 ha modificato quanto era stato previsto nel collegato fiscale-decreto legge n. 148 del 2017, in materia di detrazione d'imposta per i canoni di locazione di alloggi destinati agli studenti universitari fuori sede, derivanti da contratto di locazione stipulati o rinnovati secondo la legge 431 del 1998.

Il padre dello studente (ossia colui che paga il canone di locazione), una volta che la riforma sarà a regime, avrà diritto alla detrazione di imposta, per un importo non superiore a 2.633 euro, a patto che l'università si trovi in un comune diverso da quello di residenza, a distanza di almeno 100 km (… e comunque il comune di residenza deve essere in una provincia differente da quella dove si trova l'Università).

Soltanto per le annualità 2017 e 2018, si avrà diritto alla detrazione anche se la residenza sarà nella stessa provincia della sede dell'Università (il requisito della distanza è ridotto a 50 km per gli studenti residenti in zone montane o disagiate).

Tanto premesso, rispondo alla tua domanda: eccezionalmente, per le annualità 2017 e 2018, il papà dello studente universitario avrà diritto alla detrazione sui canoni di locazione prevista per gli studenti universitari fuori sede, anche se la residenza è nella stessa provincia dell'Università (per un importo non superiore a 2.633 euro).

Il riferimento normativo “strutturale” è l’art. 15 co. 1 lett. i-sexies) del TUIR (DPR 22 dicembre 1986, n. 917), che prevede una detrazione IRPEF del 19% per i canoni di locazione, derivanti da contratti stipulati o rinnovati ai sensi della legge 431/98, sostenuti dagli studenti universitari iscritti presso una Università situata in un Comune diverso da quello di residenza.

L’art. 20 co. 8-bis del DL 148/2017 ha ridotto il requisito della distanza in favore gli studenti fuori sede, residenti in zone montane o disagiate (50 km anziché 100 km).

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: