Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto penale - Legge Carfagna per combattere la prostituzione per le strade





Buongiorno,
volevo chiedere una consulenza a livello personale.
Vorrei capire meglio il problema della Legge Carfagna sulla prostituzione che riguarda:

ARTICOLO 1 (modifiche alla legge 20 febbraio 1958, n. 75).

1. All'art. 1 della legge 20 febbraio 1958, n. 75, sono aggiunti, in fine, i seguenti commi: "Chiunque esercita la prostituzione ovvero invita ad avvalersene in luogo pubblico o aperto al pubblico e' punito con l'arresto da cinque a quindici giorni e con l'ammenda da duecento a tremila euro.
Alla medesima pena prevista al secondo comma soggiace chiunque in luogo pubblico o aperto al pubblico si avvale delle prestazioni sessuali di soggetti che esercitano la prostituzione o le contratta".

e vorrei sapere cosa rischia il cliente in una situazione tipica:

Sceglie una prostituta per strada dove prendere accordi, ovviamente dopo aver chiesto se lavora in proprio o no e se è maggiorenne ma non sapremo mai se dice la verita, andare in albergo per consumare ed infine riaccompagnarla.

ci sono dei rischi che coinvolgono problemi penali e/o civili?

Non mi va di rischiare senza saper difendermi ed evitare problemi penali

Grazie



RISPOSTA



La legge Carfagna non è mai stata approvata dai due rami del Parlamento, non è mai diventata legge; la norma citata nella tua mail, in realtà, non è mai entrata in vigore.

Il Consiglio dei Ministri nel 2008, ha approvato un disegno di legge “Carfagna”, ossia una proposta di legge, che, dopo essere stata ampiamente pubblicizzata dai giornali e dalle Tv, è stata messa in un cassetto e non è stata mai discussa, né alla Camera né al Senato.

Il comportamento citato nella tua mail, non ha quindi risvolti penali.

Semmai, spesso il sindaco emette un'ordinanza che vieta di accostare la propria vettura alle prostitute che “lavorano” per strada.

In tal caso, colui che viola questa ordinanza, fotografato in flagranza dalla polizia municipale, vede recapitarsi a casa, una multa piuttosto salata.

La violazione dell'ordinanza del sindaco (sempre che il tuo sindaco abbia emesso questa ordinanza) tuttavia non comporta alcuna conseguenza di carattere penale (si tratta di una sanzione pecuniaria amministrativa).

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale