Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Fisco e tributi - Classificazione dei redditi da inserire nella dichiarazione de redditi. Prestito di denaro





In data Ottobre 2011 ho ricevuto un prestito di EUR 25000 dai miei suoceri con un contratto privato (non registrato)nel quale mi impegno a restituire la cifra con rate mensili di EUR 200 al mese.
Non ho dichiarato il (reddito)di tale cifra al fisco e vorrei sapere se cio' e' regolare o se ho qualche obbligo che non conosco.
Ringrazio e saluto cordialmente



RISPOSTA



Attenzione, un prestito non è un reddito da dichiarare, ai sensi dell'articolo 6 del testo unico imposte sui redditi, D. Lgs. n. 917 del 1986.

Un prestito non è un reddito fondiario, un reddito di capitale, un reddito da lavoro dipendente o autonomo, né un reddito d'impresa o diverso, ai sensi di legge.

Non devi dichiarare assolutamente nulla al fisco.

Articolo 6. Classificazione dei redditi

1. I singoli redditi sono classificati nelle seguenti categorie: a) redditi fondiari; b) redditi di capitale; c) redditi di lavoro dipendente; d) redditi di lavoro autonomo; e) redditi di impresa; f) redditi diversi.
2. I proventi conseguiti in sostituzione di redditi, anche per effetto di cessione dei relativi crediti, e le indennità conseguite, anche in forma assicurativa, a titolo di risarcimento di danni consistenti nella perdita di redditi, esclusi quelli dipendenti da invalidità permanente o da morte, costituiscono redditi della stessa categoria di quelli sostituiti o perduti. Gli interessi moratori e gli interessi per dilazione di pagamento costituiscono redditi della stessa categoria di quelli da cui derivano i crediti su cui tali interessi sono maturati.
3. I redditi delle società in nome collettivo e in accomandita semplice, da qualsiasi fonte provengano e quale che sia l'oggetto sociale, sono considerati redditi di impresa e sono determinati unitariamente secondo le norme relative a tali redditi.


Quello che avete fatto è perfettamente regolare e non ha nulla a che vedere con gli obblighi di dichiarazione nei confronti del fisco.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale